Serie A, 17a giornata: la presentazione delle gare

Si scende in campo da domani per la 17a giornata della Serie A, l’ultima prima della sosta invernale (e dell’apertura del calciomercato). Apre il turno la sfida delle ore 18 tra Livorno e Udinese: sfida tra formazioni che dopo un discreto avvio di stagione stanno attraversando un periodo molto complicato, sopratutto i friulani che sembrano essere andati in vacanza dopo le ultime annate in cui hanno stupito tutti gli addetti ai lavori. Alle 20.45  Cagliari-Napoli: i sardi vogliono continuare a rimanere in centro-classifica, mentre i partenopei, staccati di 8 lunghezze dalla Juventus capolista, non possono commettere passi falsi prima della sosta.

Lunch match domenicale che vedrà opposte Bologna e Genoa: nella sfida rossoblu a rischiare di più sono i padroni di casa, ed il suo allenatore. In caso di mancato successo Pioli dovrebbe essere esonerato: al suo posto si parla di Zola o di Roberto Baggio. Domenica alle ore 15 il resto delle partite: Verona-Lazio la più interessante del pomeriggio, con gli uomini di Mandorlini desiderosi di continuare a stupire e guadagnare punti per raggiungere la salvezza il prima possibile. Antonio Conte e la sua Juventus saranno di scena a Bergamo contro l’Atalanta: obiettivo nona vittoria consecutiva senza subire reti. Missione possibile. La Roma, immediata inseguitrice dovrebbe avere la meglio in casa contro il non irresistibile Catania di questo avvio di stagione: Garcia potrebbe concludere al meglio i primi mesi sulla panchina giallorossa. Trasferta insidiosa sulla carta per la Fiorentina, impegnata al Mapei Stadium contro il Sassuolo: tre punti per continuare a sognare la qualificazione alla prossima Champions League.

Rudi Garcia

Torino-Chievo potrebbe permettere ai granata, in caso di successo, di chiudere il 2013 a quota 25 punti, non male per una formazione partita con l’obiettivo della salvezza, mentre i veronesi sono alla disperata ricerca di un risultato utile dopo la sconfitta interna contro la Sampdoria della settimana scorsa. Proprio gli uomini di Mihajlovic ospitano a Marassi il Parma di Donadoni: vincere vorrebbe dire superare i ducali. Ma il clou della giornata arriva con il posticipo: Inter-Milan. Un derby che purtroppo non vede le due squadre lottare per le prime posizioni: i nerazzurri sono quinti, staccati di 15 lunghezze dalla Juventus, i rossoneri si trovano addirittura a più sei sulla zona retrocessione. Chi perde passerà davvero un triste Natale…

Leggi anche–> Inter-Milan, le probabili formazioni

Leggi anche–> Inter-Milan, le quote del match