Serie A 2014-2015: la Top 11 della 16esima giornata

Termina la 16a giornata di Serie A. Il campionato saluta il 2014 con una giornata ricca di pareggi e CalcioNow.it si appresta a stilare la sua ultima top 11. Questa settimana il modulo scelto dalla nostra formazione è un 4-3-3 con Diego Lopez in porta, Glik, Tonelli, Mexes e Danilo in difesa, Vidal, Anderson e Ze’ Eduardo a centrocampo e in attacco Gabbiadini, Zapata e Denis. Allenatore della nostra top 11 è Massimiliano Allegri.

DIEGO LOPEZ. Il Milan ferma la Roma e il migliore in campo dei rossoneri è Diego Lopez che con le sue innumerevoli e fondamentali parate impedisce ai giallorossi di portare a casa i tre punti. Impeccabile nelle uscite, ne sbaglia solo una ma viene graziato da Torosidis che spara la sfera oltre la traversa, il portiere spagnolo si prende i complimenti persino di Garcia. Senza di lui, molto probabilmente, la Roma sarebbe riuscita a vincere.

GLIK. Vittoria in rimonta firmata Glik. Può riassumersi così la domenica del Torino che, subito lo svantaggio ad opera di Falqué al 42′, riesce, guidato dal proprio capitano Glik autore della doppietta vincente, ad agguantare e superare il Genoa con grande gioia per gli amaranto e altrettanta delusione per i genoani che vedono sfumare, seppur momentaneamente, il terzo posto in classifica.

TONELLI. In Fiorentina-Empoli giunge il quarto gol in Serie A del difensore Lorenzo Tonelli. Un gol non da poco se si considera che, in un terreno difficile come il Franchi e contro una squadra di una certa qualità come la Fiorentina, ha portato nelle casse dell’Empoli un punto importante. L’obiettivo resta la salvezza, magari il 2015 regalerà qualcosa in più.

MEXES. Probabilmente Roma-Milan è stata la migliore partita giocata dalla difesa rossonera e Mexes si è confermato come il suo valore aggiunto. Sono lontani i tempi in cui il francese era fuori dal progetto del Diavolo, in Roma-Milan difende e attacca, con una conclusione dai 40 metri che se fosse avrebbe permesso ai rossoneri di portarsi in vantaggio e magari vincere la partita e a Mexes di lasciare un segno importante al Milan.

DANILO. Abile e attento in difesa, suo cavallo di battaglia, decisivo in attacco. E’ uno dei giocatori più importanti dell’Udinese di Stramaccioni il difensore che nel match contro la Sampdoria è riuscito persino ad andare a segno e portare in vantaggio, durato sino al 60′, la formazione bianconera. Il migliore nella difesa dell’Udinese.

VIDAL. Il cileno torna ad essere il punto di forza del centrocampo bianconero in Cagliari-Juventus. Realizza il gol del 2-0 esibendosi in un destro a giro che sorprende Cragno e in una serie di giocate che arricchiscono la sua prestazione e la partita in generale. Vidal in grande spolvero e in vista della Supercoppa… Attento Napoli!

ANDERSON. Inter-Lazio si conclude sul 2-2 ma tra i biancocelesti ad emergere è Anderson che riesce a portare la Lazio sul 2-0. Il primo gol lo segna dopo appena 2 minuti di gioco, il secondo al 37′, ma ciò che fa rimanere a bocca aperta è la facilità con la quale il brasiliano si prende gioco degli avversari con i suoi dribbling. Peccato che la Lazio si fa raggiungere dall’Inter.

ZE’ EDUARDO. Il Cesena deve rialzarsi e deve farlo in fretta. Nella sfida contro il Sassuolo a salvare il Cavalluccio è Ze’ Eduardo. Al 94′, quando il Sassuolo assaporava già la vittoria, il centrocampista insacca di testa il gol dell’1-1 e fa al tecnico Di Carlo, alla società e ai tifosi il suo personale regalo di Natale.

GABBIADINI. Ha trovato la via del gol e sembra volerla percorrere ogni domenica. Vittima delle sue reti è l’Udinese che, in vantaggio per 2-1 sui blucerchiati, si vede soffiare due punti da Gabbiadini. L’attaccante della Sampdoria, infatti, realizza di testa, al minuto 60, il gol del definitivo 2-2.

DUVAN ZAPATA. Il Napoli è ancora alla ricerca del suo Higuain e nell’attesa che il Pipita torni quello di un tempo si consola con Zapata. E’ lui a partire titolare in Napoli-Parma, forse anche per via di quella Supercoppa Italiana ormai alle porte, ed è sempre lui a portare in vantaggio gli azzurri al 19′. Sarà ancora Zapata a decidere Juventus-Napoli e consegnare ai partenopei il trofeo?

DENIS. Quella dello stadio Atleti Azzurri d’Italia di Bergamo è stata una partita scoppiettante e colma di gol. Atalanta-Palermo si è conclusa sul 3-3 e verrà ricordata per la rimonta dei nerazzurri che, guidati da un Denis ritrovato e autore di una doppietta, riescono a portarsi dall’1-3 al 3-3 conclusivo e a regalare il punto alla squadra di Colantuono è proprio Denis con il suo gol realizzato al 76′ e valso il pareggio.

ALL. ALLEGRI. Chiude in bellezza il suo 2014 da allenatore della Juventus Massimiliano Allegri. La Vecchia Signora torna alla vittoria battendo il Cagliari per 3-1 e registra il record dei 95 punti raggiunti nell’anno solare.

Top 11 16a giornata Serie A 2014-15

SERIE A 2014-2015: TUTTE LE NOTIZIE