Serie A 2014-2015: la Top 11 della Quattordicesima Giornata

La quattordicesima giornata di Serie A ha visto Juventus, Roma e Napoli rallentare e il Genoa ingranare la quarta e portarsi al terzo posto. Ed è proprio il tecnico del Grifone, Gasperini, ad accomodarsi nella panchina della top 11 stilata da CalcioNow.it e a dirigere un 3-4-3 che vede Sepe tra i pali, Izzo, Stendardo e Antonelli in difesa, Ljajic, Felipe Anderson, Cigarini e Thereau a centrocampo e Meggiorini, Dybala e De Guzman a guidarne l’attacco.

SEPE. E’ il portiere dell’Empoli a decidere in parte la partita del San Paolo. Napoli-Empoli si conclude infatti sul 2-2 e decisivo è stato un intervento del portiere dei toscani al minuto 89′ sulla conclusione di De Guzman.

IZZO. Allo stadio Marassi si vede un grande Genoa e un altrettanto grande Armando Izzo. Nella domenica della 14a giornata di Serie A il difensore rossoblu è una delle stelle del Grifone, un vero tormento per il Diavolo, muro invalicabile per Menez e compagni. Dove c’è lui non si passa e i rossoneri lo hanno imparato a proprie spese.

STENDARDO. Strepitosa partita quella andata in scena allo stadio “Atleti Azzurri d’Italia” di Bergamo tra Atalanta e Cesena. Se nella prima frazione di gioco era la squadra ospite a dettare legge con i suoi due gol, tra fine primo tempo e l’inizio della ripresa l’Atalanta è salita in cattedra ed è riuscita a ribaltare il risultato. Uomo simbolo della rimonta nerazzurra è Stendardo che riesce con il suo gol al 50′ a pareggiare i conti con il Cesena e all’86’ va vicinissimo al gol del 4-2. Autore del gol vittoria è Moralez.

ANTONELLI. Probabilmente in casa Milan qualche rimpianto ce l’avranno, non solo per i tre punti persi al Marassi ma anche per non aver creduto, qualche tempo fa, su Luca Antonelli. E’ proprio l’ex a punire il Diavolo con il suo gol di testa al 33′, l’unico in Genoa-Milan.

LJAJIC. La 14a giornata di campionato elegge Adem Ljajic a salvatore della Roma. In Roma-Sassuolo il giocatore ex Fiorentina riesce non solo a riaprire i giochi con il suo gol al 78′ che ha avvicinato i giallorossi ai neroverdi ancora in vantaggio sull’1-2, ma a rubare sul finire del match, precisamente al 93′, un punto al Sassuolo con un altro gol. Un 2-2 che vale molto per il club capitolino che fa ancora sentire il proprio fiato sul collo alla Juve capolista.

FELIPE ANDERSON. La Lazio torna a vincere e si aggiudica per 1-2 il match dello stadio Bentegodi, Parma-Lazio. Artefice della vittoria biancoceleste è Felipe Anderson che al 59′ segna il gol del vantaggio che a fine gara porterà nelle casse della Lazio tre importanti punti. Ennesima sconfitta per il Parma nella domenica in cui il presidente Ghirardi annuncia la cessione della società.

CIGARINI. Si è mosso dietro le quinte e ha messo il proprio zampino nei primi due gol dell’Atalanta. Suo il passaggio a Beanlouane in occasione del primo gol, quello dell’1-2, ed è da una sua punizione, deviata da Bianchi e trasformata in rete da Stendardo, che l’Atalanta pareggia i conti con il Cesena. Al di là delle due azioni da gol, Cigarini si è mosso bene in fase di costruzione del gioco e nei calci piazzati.

THEREAU. Se Di Natale non riesce a trovare la rete, in Inter-Udinese Thereau non sbaglia. Il francese entra al 65′ proprio in sostituzione del numero 10 bianconero e al 71′ sfrutta un ingenuo retropassaggio di Palacio ad Handanovic, si impossessa della sfera, supera il portiere avversario e deposita in rete, fissando il risultato sul definitivo 2-1 bianconero.

MEGGIORINI. In 10 minuti di gioco i clivensi si aggiudicano la vittoria in Cagliari-Chievo. Tanto basta agli uomini di Maran per siglare due gol che consegneranno a fine partita i tre punti ai veneti. Ad aprire le marcature è proprio Meggiorini che al 4′ sfrutta una respinta sfortunata di Ekdal e con una splendida rovesciata porta in vantaggio la propria squadra. Sei minuti più tardi il raddoppio del Chievo firmato Paloschi.

DYBALA. In attesa che il Ct della Nazionale Argentina lo convochi e sotto lo sguardo attento di Conte, l’attaccante italo-argentino del Palermo continua a dar spettacolo e a segnare. In Torino-Palermo Dybala segna il 5° gol consecutivo in questo campionato e supera le più rosee aspettative. Il giovane attaccante in maglia rosanero ha fatto già meglio di Toni, Amauri, Cavani e chi ben comincia…

DE GUZMAN. E’ De Guzman, in questa 14a giornata di campionato, a salvare il Napoli firmando al minuto 72′ il gol del pareggio partenopeo contro un’Empoli padrona del campo per buona parte della partita. Nel finale De Guzman va vicinissimo al gol vittoria, ma Sepe nega al Napoli questa gioia ed evita alla sua Empoli il dispiacere della sconfitta.

ALL. GASPERINI. Steccano Juventus, Roma e Napoli, non si ferma il Genoa di Gasperini che, allo stadio Marassi, spedisce il Diavolo all’inferno e si regala un angolo di paradiso. I tre punti conquistati contro il Milan, infatti, portano il Genoa al terzo posto a +2 dal Napoli fermato dall’Empoli sul 2-2.

Serie A 2014-15 top 11 14a giornata

SERIE A 2014-2015: TUTTE LE NOTIZIE