Serie A 2015-2016, la Top 11 della 20a Giornata

Effettuato il giro di boa nella Serie A 2015-2016 e conclusa anche la 20a giornata di campionato ecco di seguito la top 11 stilata dalla redazione di CalcioNow.it. Formazione disposta secondo un 4-2-4 che vede tra i pali Handanovic seguito in difesa da Tonelli, Alex, Lulic, Alex Sandro; a centrocampo Giaccherini e Boateng e in attacco poker d’assi con Higuain, Pavoletti, Pazzini e Mbakogu. In panchina siede Mihajlovic.

HANDANOVIC. All’Atleti Azzurri d’Italia c’è tanto nerazzurro, ma poco Inter. L’unico a salvarsi degli uomini di Mancini è Handanovic che, pure accecato dal sole, riesce a prendere ogni pallone, nemmeno avesse la calamita. Sul gol dell’Atalanta o meglio sull’autogol di Murillo non può nulla perché sorpreso dal compagno.

TONELLI. Continua a regalare gioie l’Empoli ai propri tifosi che, insieme al Sassuolo, può definirsi squadra rivelazione di questo campionato. Nella 201 giornata conquista un punto in quel di verona grazie al gol di Tonelli, ancora una volta fondamentale.

ALEX. Sogno o son desto? È sicuramente questa la domanda che si sono fatti i tifosi rossoneri durante Milan-Fiorentina e al triplice fischio, quando hanno visto sul tabellone di San Siro chiaro il risultato finale 2-0. È stata una partita perfetta, nessuna sbavatura, i reparti che si intendevano tra loro, due gol fatti e soprattutto nessuno subito. Promossa la difesa capitanata da un ottimo Alex, bravo ad arginare Kalinic e i viola.

LULIC. È lui al Dall’Ara a spegnere i sogni di gloria di un buon Bologna e ad accendere la speranza nei biancocelesti. Entrato al 46′ in sostituzione di Parolo da ai suoi una nuova linfa e fa cambiare le carte in tavola. Suo è infatti il gol del pareggio al 77′ a coronare una prestazione tra le migliori della partita.

ALEX SANDRO. Nella goleada juventina del Friuli ci mette la firma pure lui, ma Alex Sandro non è solo il gol (inutile ma comunque importante) siglato al 42′ di Udinese-Juventus. Nel match tra bianconeri il difensore si mostra in tutto il suo splendore: in difesa non se ne lascia sfuggire uno, nelle ripartenze invece sfugge agli avversari. Partita top per lui.

GIACCHERINI. Ancora una volta mostra di essere in gran forma e mette sull’attenti la Lazio. Una punizione calciata magistralmente con il pallone che capitombola direttamente in rete e una partita giocata al 100%. A fermarlo solo la sostituzione effettuata da Donadoni per correre ai ripari dopo l’espulsione di Masina.

BOATENG. Due anni d’attesa per rivederlo a San Siro ancora da protagonista. Boateng è tornato e sembra essere davvero motivato. Entrato all’83’ di Milan-Fiorentina ha messo al sicuro il risultato siglando il gol del 2-0. Applausi a San Siro, il principe è tornato: che sia lui l’acquisto top del Diavolo in questo mercato di gennaio?

HIGUAIN. Altra giornata, altra doppietta, altra eccellente prestazione, sempre lo stesso nome: Higuain. C’è davvero poco da dire, perché basta già vederlo in campo per capire. Non c’è storia. Nella 20a giornata segna la settima doppietta in stagione, regala la vittoria che permette al Napoli di mantenere il primato e continuare a sognare. Il 2015 si è concluso bene, il 2016 è iniziato ancora meglio.

PAVOLETTI. Altro poker di giornata è quello del Genoa. Festa rossoblu impreziosita dalla doppietta di Pavoletti che si conferma giocatore importante per il Grifone e dà una speranza anche alla Nazionale Italiana.

PAZZINI. Ferma la Roma pur con l’influenza. Sebbene acciaccato e non al massimo, il Pazzo impedisce alla squadra giallorossa (alla prima uscita con Spalletti allenatore) di avviare la rinascita. Con il suo rigore arresta la corsa dei capitolini, ancora poco convincenti. Il Verona, ultimo in classifica, vede uno spiraglio.

MBAKOGU. Ferma la Lazio, batte l’Udinese e nella 20a giornata vince sulla Sampdoria. Il Carpi continua a seminare terrore in Serie A in questo inizio 2016 e a distinguersi tra gli altri nel match contro i blucerchiati è Mbakogu autore del gol della vittoria.

ALL. MIHAJLOVIC. Da premiare assolutamente. Finalmente si vede a San Siro un Milan che gioca, vince e convince dal primo all’ultimo minuto di gioco e lo fa contro un avversario ostico, la Fiorentina. Continuando su questa strada, l’Europa sarà sempre più vicina.

Top 11 20a Giornata Serie A 2015-2016

TUTTE LE NOTIZIE SULLA SERIE A 2015-16