Serie A 2015-2016: la Top 11 della 24a Giornata

VOTA QUESTA NOTIZIA

CalcioNow.it vi propone, a conclusione della 24a giornata di Serie A 2015-2016, la consueta top 11. Questa volta il modulo di gioco scelto è un 3-4-3 così composto: Donnarumma; Koulibaly, Armero, Alex Sandro; Perisic, Giaccherini, Cuadrado, Perotti; Vazquez, Niang, Palacio.

DONNARUMMA. Continua, con un’altra brillante prestazione, l’avventura di Donnarumma in Serie A. Anche nel match contro l’Udinese, il portiere del Milan è uno dei migliori in campo. Con i suoi interventi blinda la propria porta, gli sfugge solo Armero.

KOULIBALY. Prestazione impeccabile. In difesa non sbaglia nulla, in attacco crea diversi pericoli al Carpi. È lui a procurarsi il calcio di rigore che, trasformato (manco a dirlo) da Higuain, permette al Napoli di mettere al sicuro altri tre punti.

ARMERO. Il rossonero non gli ha regalato molte gioie e il colombiano, passato adesso all’Udinese, approfitta del match contro la sua ex squadra per riscattarsi. Proprio Armero infatti segna il gol che permette ai friulani di portarsi in vantaggio a San Siro e fa tremare i rossoneri. La squadra di Mihajlovic riesce a pareggiare, ma quel gol fa perdere al Milan due punti che sarebbero stati di grande importanza visto anche lo stop dell’Inter a Verona.

ALEX SANDRO. Ancora una prestazione top per Alex Sandro. Il difensore bianconero è uno dei pochi giocatori sempre in partita, dal primo all’ultimo minuto. Fornisce preziosi assist a Sturaro, che però spreca, e Cuadrado, in occasione del gol dell’ex viola.

PERISIC. Impedisce all’Inter di crollare. Il suo ingresso in campo è fondamentale per i nerazzurri. Perisic fornisce infatti l’assist a Icardi per il gol del 3-2 e sigla quindi la terza marcatura interista, quella che permette alla squadra di Mancini di uscire dal Bentegodi con almeno un punto in tasca.

GIACCHERINI. Segna il suo sesto gol in campionato, quattro nelle ultime sette partite, e regala al Bologna il pareggio contro una squadra ostica come la Fiorentina. È ormai un giocatore fondamentale per la squadra di Donadoni, potrebbe esserlo anche per la Nazionale?

CUADRADO. Decisivo, ancora una volta. Negli ultimi tre giorni ha consegnato nelle mani della Juventus una oppia vittoria spingendo De Maio all’autogol nel turno infrasettimanale e segnando nella sfida contro il Frosinone di questa 24a giornata.

PEROTTI. Il primo gol in Serie A con la maglia della Roma, segnato nel match contro la Sampdoria, corona una prestazione super e decide la partita, facendo pendere l’ago della bilancia interamente in favore della squadra giallorossa.

VAZQUEZ. Decisamente top. In Sassuolo-Palermo è il migliore in campo. Realizza assist e gol, un unicum per l’italo-argentino in Serie A fino ad ora, fermando così il Sassuolo sul 2-2.

NIANG. Se non ci fosse stato il suo gol il Milan sarebbe rimasto vittima dell’Udinese. Nella prima parte del match Niang non sembra promettere bene, si riscatta nella ripresa.

PALACIO. Non segna, ma fa segnare e non si ferma mai. Uno dei migliori in campo al Betegodi in occasione di Verona-Inter. Dal suo piede nasce l’assist a Perisic per il gol del definitivo 3-3.

ALL. SPALLETTI. Procede positivamente lo Spalletti-bis. Contro la Sampdoria, nel posticipo della 24a giornata di Serie A, la Roma ottiene la terza vittoria consecutiva, tre nel giro di una settimana. Davvero non male per una squadra che fino a poco tempo fa era in crisi. Inutile sottolinearlo, gran parte del merito va proprio all’allenatore.

Top 11 24a Giornata Serie A 2015-2016

TUTTE LE NOTIZIE SULLA SERIE A 2015-16