Serie A 2015-2016: la Top 11 della 34a Giornata

VOTA QUESTA NOTIZIA

Calcionow.it, a conclusione della 34a giornata del campionato di Serie A 2015-2016, ha stilato la top 11. Schierando come modulo di formazione un 3-4-1-2, la top di questa giornata, disputatasi nel turno infrasettimanale, è composta da Sardo, De Maio e Paletta davanti al portiere Viviano in difesa; Baselli, Rigoni, Khedira e Badu a centrocampo e Mertens dietro la coppia d’attacco composta da Totti e Dybala. In panchina trova posto Massimiliano Allegri.

VIVIANO. Basta la parata al rigore calciato da Berardi all’89’ di Sassuolo-Sampdoria per assicurarsi un posto nella top 11 di questa 34a giornata di Serie A. Parata che vale come un gol perché permette alla squadra blucerchiata, in 10 uomini dal 26′ del primo tempo, di conquistare un punto al Mapei Stadium.

SARDO. Un gol spettacolare degno di un bomber, quello realizzato dal difensore del Chievo Sardo nel match contro il Frosinone. Il gol ricorda quello siglato da Shevchenko nel Milan-Juventus del dicembre 2001. Prodezza.

DE MAIO. Uomo fatale per l’Inter e non solo o non tanto per quanto fatto in difesa, suo ruolo, ma per il gol segnato al 77′ che ha consegnato al Genoa la vittoria e spedito i nerazzurri nuovamente nel limbo.

PALETTA. Non sarà stata la sua migliore prestazione in assoluto, ma in Palermo-Atalanta ha saputo lasciare un’importante traccia portando in vantaggio i nerazzurri al 56′ con il suo gol. Gol che sarebbe valso la vittoria se non fosse stato per la rete siglata da Struna al 74′.

BASELLI. Buona la prova del centrocampista del Torino, perfetta l’intesa con Bruno Peres. Nella dura sfida contro la Roma a Baselli manca solo il gol: il granata riesce solo a sfiorarlo a causa di Szczesny che interviene prontamente.

RIGONI. Se il suo compagno Sardo realizza un gol alla Sheva, Rigoni non è da meno. Deliziosa la rete siglata dal centrocampista nel match contro il Frosinone: un cucchiaio in perfetto stile Totti dai venticinque metri che fa da ciliegina sulla torta alla sua prestazione.

KHEDIRA. Guida fondamentale per il centrocampo della Juve. Gioca spesso “dietro le quinte”, ma nel big match contro la Lazio riesce a prendersi anche il palcoscenico con i suoi assist. Presenza costante e importante.

BADU. Uno dei migliori in campo in Udinese-Fiorentina. Colosso del centrocampo bianconero, pericolo in area viola: nella 34a giornata di Serie A Badu si mette particolarmente in mostra dando inizio all’azione che permetterà all’Udinese di trovare il gol del vantaggio e colpendo una traversa.

MERTENS. Protagonista dello spettacolo inscenato dal Napoli nel match contro il Bologna. Mertens realizza una tripletta che rimarrà nella storia (è la sua prima tripletta in Serie A) e che gli permette di riscattarsi dopo le tante panchine subite.

TOTTI. Se non è top Totti… Al capitano della Roma bastano due minuti per dare il via alla rimonta giallorossa. Due gol in due minuti di gioco per superare il Torino, mettere in tasca alla Roma i tre punti, far esplodere l’Olimpico (i tifosi rimangono estasiati) e mettere a tacere le critiche e mister Spalletti. Un inchino è anche poco.

DYBALA. La Vecchia Signora si coccola il suo gioiellino. Quella di Juve-Lazio è la serata di Dybala. Se Manzdukic apre le marcature, l’attaccante ex Palermo mette al sicuro il risultato realizzando una doppietta che non lascia spazio per certi rimpianti…

ALL. ALLEGRI. Primo posto ormai ben saldo e quinto Scudetto consecutivo a portata di mano. La Juventus di Massimiliano Allegri ha spiccato il volo, raggiungerla è ormai solo un sogno.

Top 11 34a Giornata Serie A 2015-16

TUTTE LE NOTIZIE SULLA SERIE A