Serie A 2015-2016: la Top 11 della Quattordicesima Giornata

VOTA QUESTA NOTIZIA

Iniziata sabato e conclusasi lunedì 30 novembre, la quattordicesima giornata di Serie A 2015-2016 è stata decisiva ai piani alti della classifica e caratterizzata dalle doppiette, ben 4, i cui realizzatori trovano nella nostra top 11 un posto d’obbligo. Formazione dunque schierata secondo un 4-2-4.

In panchina non può non esserci mister Sarri, vincitore con il suo Napoli del big match di questa quattordicesima giornata che frutta agli azzurri il primo posto. Trovano poi posto nella top 11 Reina tra i pali; Zaccardo, Tonelli, Albiol e Glik in difesa; Bonaventura e Papu Gomez a centrocampo; Niang, Higuain, Thereau e Ciofani in attacco.

REINA. Senza la sua parata al 94′ su conclusione di Miranda si sarebbe parlato di un altro Napoli-Inter elogiano probabilmente le doti dei nerazzurri, capaci di rimontare lo svantaggio seppure in dieci uomini. Fortuna che c’è Reina con i suoi guantoni a mettere al sicuro i tre punti e dar inizio, con Higuain, ai sogni azzurri.

ZACCARDO. Dalla panchina del Milan al Carpi, da riserva a protagonista. La squadra di Castori sta riscontrando qualche difficoltà nel campionato di Serie A, ma nella quattordicesima giornata ha saputo dire la sua battendo a Marassi il Genoa per 2-1. Autore del gol della vittoria? Zaccardo per l’appunto.

TONELLI. Semplicemente decisivo. La risorsa in più dell’Empoli in una partita difficile come quella contro la Lazio. I toscani si impongono per 1-0 sui biancocelesti e Tonelli non solo non ha fatto mancare il suo supporto in difesa, ma ha anche firmato il gol dei tre punti.

ALBIOL. Nella vittoria del big match ci mette lo zampino, o meglio la testa, anche lui. Proprio da un colpo di testa del difensore del Napoli nasce il pallone che Higuain trasformerà nel gol del 2-0. Coperto in difesa dall’ombra del gigante Koulibaly, Albiol si mette in mostra in attacco come a dire “ci sono anch’io”.

GLIK. Il Torino batte il Bologna per 2-0 e lo fa per merito si dei due gol realizzati da Belotti e Vives, ma anche grazie a una difesa solida il cui pilastro portante è Glik. Praticamente perfetto, neutralizza Mancosu e Acquafresca conferendo sicurezza al reparto difensivo granata.

BONAVENTURA. Ancora una volta uno dei migliori in campo nella formazione del Milan. Forse il giocatori di cui il Diavolo non può fare a meno e la conferma avviene nel corso della sfida di San Siro Milan-Sampdoria. È Bonaventura a portare in vantaggio i rossoneri ed è sempre il numero 28 a procurarsi il rigore che verrà trasformato da Niang nel gol del 2-0. È inutile dirlo, Bonaventura si conferma Jack d’oro.

PAPU GOMEZ. Quando vede giallorosso si infiamma e dà il meglio di sé. Roma-Atalanta è la partita di Papu Gomez. Splendido il gol, il quarto in carriera contro la Roma, splendida l’intera prestazione del giocatore nerazzurro.

NIANG. Inizia con lui il gran galà delle doppiette. Si erge a protagonista di San Siro durante Milan-Sampdoria già con l’assist a Bonaventura, ma il francese non si accontenta. Con l’avanzare dei minuti Niang diviene sempre più incisivo e così sfodera una doppietta, la prima in Serie A, la prima con il Milan. Incontenibile.

HIGUAIN. Ancora una volta è il trascinatore del Napoli. Pronti, partenza e… gol! Orsato non ha nemmeno il tempo di fischiare l’inizio di Napoli-Inter che il Pipita ha già portato in vantaggio gli azzurri con uno dei suoi gol. Ma Higuain si può mai accontentare? No. E allora eccolo ancora al 63′ liberarsi dei propri avversari e scaraventare la sfera ancora alle spalle di Handanovic. Il Pipita c’è, il Napoli pure!

THEREAU. Doppietta anche per Thereau che in Chievo-Udinese regala con i suoi due gol la vittoria in rimonta alla squadra bianconera di Udine. Porta l’Udinese sul 2-1 e quando Inglese firma il 2-2 Thereau non perde tempo e qualche minuto più tardi, all’80’, mette fine ai giochi con il gol del definitivo 3-2.

CIOFANI. Quattordicesima giornata da top anche per Ciofani che con la sua doppietta permette al Frosinone di battere un Verona sempre più in crisi. Nella parte bassa della classifica è lotta fino all’ultimo respiro e così, nello scontro diretto in terra ciociara, sono gli uomini di Stellone ad avere la meglio, merito di Ciofani e della sua importantissima doppietta.

ALL. SARRI. Crea un Napoli a sua immagine e somiglianza, gli conferisce gioco e cuce tra loro i vari reparti come meglio non saprebbe fare neppure il miglior sarto in circolazione. Europa o campionato poco importa, nella stagione 2015-2016 il Napoli di Sarri vuole essere protagonista e quale migliore occasione per dimostrarlo se non in Napoli-Inter? Sfida ai vertici. Il primato è azzurro.

Top 11 14 giornata Serie A 2015-16

TUTTE LE NOTIZIE SULLA SERIE A 2015-16