Settore Giovanile Inter: le novità della stagione 2014-2015

Il direttore del Settore Giovanile nerazzurro, Roberto Samaden, ha rilasciato un’intervista ad Inter Channel, in cui ha parlato di tutte le novità riguardanti la stagione 2014-2015. “Torniamo dopo un anno a fare la Berretti. Abbiamo fatto una valutazione con il ds Piero Ausilio sulla necessità, avendo un gruppo molto numeroso e molto valido – che tra l’altro è quello che ha vinto il campionato italiano dei ’97 – di dare la possibilità a tanti ragazzi di rimanere all’intrerno del nostro Settore Giovanile quindi di passare dalla Berretti. Una categoria che abbiamo fatto in maniera proficua due anni fa e che torniamo a fare in questa stagione.”

Novità anche per quanto riguarda la Primavera, il cui nuovo allenatore sarà Stefano Vecchi: “Il nuovo allenatore sarà Stefano vecchi. Ci siamo orientati su un allenatore che ha già un’esperienza nel mondo dei “grandi”, avendo allenato già in serie B, in Lega Pro. Inoltre, è un ragazzo che è cresicuto nel nostro Settore Giovanile. E questo non è un particolare da trascurare: sarà lui, dunque, a guidare la nostra Primavera.”

Per gli Allievi, invece, ci sarà ancora l’ex calciatore nerazzurro Benoit Cauet: “Proseguirà il cammino con i ’98, come già d’accordo nella passata stagione. Come abbiamo fatto con Gianmario Corti per i ’97, pensiamo che un progetto biennale con gli Allievi permetta all’allenatore di lavorare in maniera proficua sul gruppo, sia dal punto di vista individuale che di squadra. Benoit continuerà, dunque, il suo percorso con i suoi ’98 e Corti allenerà gli Allievi Lega Pro ’99.”

Infine, una dichiarazione circa la partnership appena concordata con il Prato, annunciata qualche giorno fa dal ds Piero AusilioSì e soprattutto la possibilità di sfruttare al meglio anche il lavoro del centro di formazione che abbiamo in Toscana ad Altopascio, il Tau, una società con la quale da due anni abbiamo aperto questo tipo di attività. Questo permette di avere uno sbocco al lavoro che stiamo facendo da anni nel centro Italia, quindi non solo in Toscana, ma in tutta un’area dove poi non è sempre possibile portare tutti i ragazzi individuati nel nostro Settore Giovanile. Avendo una realtà come il Prato, uno dei settori giovanili d’eccellenza per quel che riguarda la Lega Pro, ci permette di dare un’apertura eventuale ai ragazzi che selezioniamo in questa zona.”

Leggi anche -> Giovanili Inter, Bernazzani: “Bonazzoli e il gruppo dei ’97 sono il nostro futuro”

Leggi anche -> Calciomercato Inter, Polo va in Colombia: Ufficiale a Breve