"Sleal Madrid", la polemica di Tuttosport dopo Real Madrid-Juventus

Per quanto si parli spesso della necessità di una informazione imparziale, sappiamo tutti che la maggior parte dei quotidiani è più o meno orientata e questo vale sia per l’informazione generalista, sia per quella sportiva. In Italia i tre maggiori quotidiani del settore sportivo sono la Gazzetta dello Sport (tendenzialmente legata alle squadre di Milano), il Corriere dello Sport (quotidiano romano che vede di buon occhio tutte le squadre centro-meridionali) e Tuttosport (giornale di Torino, notoriamente filo juventino).

Tuttosport calciomercato Juventus
Una raccolta dei principali titoli di Tuttosport sui movimenti di mercato della Juventus

Ci sono però casi nei quali la preferenza è talmente palese da rendere nullo ogni tentativo di obiettività: il quotidiano torinese è infatti da tempo oggetto di scherno da parte di tutti i tifosi (Juventini compresi), al punto da aver ispirato la nascita di diverse fanpage su Facebook e di account satirici su Twitter.

Se negli anni le notizie di fantacalciomercato di Tuttosport sono diventate leggenda (basti pensare agli annunci di arrivi in bianconero di gente come Messi, Bale, Lavezzi, Ronaldo, Ozil, Ballack, Lampard, Schweinsteiger, Robben… solo per fare qualche nome), sono soprattutto certe affermazioni da fanzine a lasciare basiti e a tratti ad irritare.

Ieri sera, a pochi secondi dalla fine del match di Champions del Santiago Bernabeu, Tuttosport.com già titolava “Sleal Madrid” e seppur la foto del titolo sia stata più o meno veementemente ripresa da quasi tutte le testate, fa pensare che a polemizzare sia quella stessa testata che trova del tutto legittimi gli scudetti del 2005 e 2006, tolti alla Juventus in seguito a Calciopoli, al punto da aver festeggiato gli ultimi due titoli bianconeri con i numeri 30 e 31 a tutta pagina e continui riferimenti alla terza stella conquistata.

Tuttosport scudetto Inter
La prima pagina di Tuttosport in occasione del sedicesimo scudetto interista

E’ risaputo quanto gli eventi di Calciopoli abbiano portato la rivalità con l’Inter ai massimi storici e la testata torinese non ha mancato di perpetrare una polemica continua verso i nerazzurri. Basti pensare al titolo col quale il 19 maggio 2008 venne annunciato il sedicesimo titolo della squadra di Moratti: in prima pagina un titolo a caratteri cubitali “SONO 15”, con la rappresentazione grafica dei 16 scudetti e una evidente X a cancellare il cosiddetto “scudetto di cartone” del 2006.

Quando nel 2011 nuove intercettazioni misero in dubbio la liceità di quel titolo, Tuttosport non fece giri di parole per spiegare il suo punto di vista: “REVOCATELO!” e ancora “Anche l’Inter meritava la B: revocare lo scudetto è il minimo” e poi “Con che coraggio?” e la lista potrebbe continuare.

Insomma, le esternazioni di quest’oggi non stupiscono certamente, ma sono solo l’ennesima conferma di un giornalismo estremamente di parte e specchio di una società, la Juventus, che non commenta e rispetta le scelte arbitrali quando sono in proprio favore, ma è sempre pronta a criticare quando, per una volta, si trova dall’altra parte della barricata.

Leggi anche -> Mark Iuliano dal rigore su Ronaldo alla squalifica per sei mesi
L
eggi anche -> Inter-Juventus: le origini del termine “Derby d’Italia”