Squalifica Curva Sud, Comunicato Juve: "Siamo perplessi"

La sentenza della Corte d’Appello della Figc, in riferimento al lancio di una bomba-carta verso la Curva Primavera dello stadio Olimpico durante Toro-Juve, non è piaciuta al quartier generale di corso Galileo Ferraris, nonostante il ricorso degli stessi bianconeri sia stato parzialmente accolto.

La sanzione inflitta alla società guidata da Andrea Agnelli costringe i campioni d’Italia a disputare la prima gara di campionato senza la Curva Sud, settore più caldo del tifo organizzato di fede juventina.

La Vecchia Signora ha espresso la sua amarezza per l’odierna sentenza attraverso un comunicato ufficiale:

“L’odierna decisione della Corte d’Appello della FIGC desta molta perplessità dal momento che l’autore materiale del reato è stato individuato ed arrestato. Tale individuazione ha permesso di dimostrare che il soggetto: si trovava all’interno dello Stadio Olimpico di Torino, in evento organizzato da altra società, privo di biglietto e il suo nome non compare sulla lista degli juventini presenti nel settore ospiti; era già sottoposto a D.A.Spo; non risulta tra gli abbonati della Juventus.

Non è chiaro, pertanto, come la società possa essere ritenuta responsabile, ancorché oggettivamente, dei suoi comportamenti. La Juventus e i suoi tifosi non devono pagare il prezzo delle lacune ed inefficienze altrui. Juventus Football Club ricorrerà presso il Collegio di garanzia dello sport del Coni avverso al provvedimento odierno”.

Leggi anche –> Curva Sud Juve, Chiusa una sola Giornata: Squalifica dimezzata