SSC Napoli: Pandev, Zapata e Vargas possono essere ceduti

Il tecnico del Napoli Rafa Benitez, tra ritiro e amichevoli ufficiali ha ricevuto delle prime ed importanti indicazioni. Se tra centrocampo e difesa le scelte tecniche e le strategie di mercato erano già ben chiare dall’inizio, sull’attacco l’allenatore del Napoli aveva ancora qualche dubbio. Si perchè Benitez è un allenatore che i calciatori vuole vederli in allenamento, studiarli e capire realmente quali sono le qualità e le capacità che hanno di integrarsi nel suo disegno tattico.

Ci sono tre calciatori del reparto offensivo che non sembrano più rientrare nei piani del tecnico spagnolo: PandevZapata,Vargas. Se l’attaccante macedone non ha mai convinto per la sua discontinuità, Zapata è considerato ancora acerbo per giocare a certi livelli e l’intenzione della società è quella di farlo giocare in un’altra squadra, solo così il colombiano potrà esprimere le sue qualità. Di Edu Vargas non convince la sua scarsa propensione a giocare da esterno. Il cileno per natura è una seconda punta e l’unico ruolo che potrebbe ricoprire è quello alle spalle di Higuain.

Dunque il Napoli aspetta e valuta eventuali offerte di mercato, ma difficile che possano partire tutti e tre gli attaccanti. Per Goran Pandev l’Olimpiakos ci ha fatto più di un pensiero, ma il macedone non sembra entusiasta di andare a giocare in Grecia. Nelle ultime ore ci sta provando il Milan ma la trattativa è molto difficile per la scarsa disponibilità economica della società rossonera. Per Zapata il Torino è più che un’idea, l’attaccante piace molto al tecnico granata Ventura, che potrebbe schierarlo anche in coppia con Quagliarella. Ma attenzione anche alla pista estera, emissari del Feyenoord sono stati segnalati al San Paolo durante l’amichevole contro il Paok Salonicco per vedere il calciatore da vicino.

Per quanto riguarda Edu Vargas, dopo il buon mondiale disputato la società azzurra aspetta offerte interessanti, che per adesso ci sono state soltanto da club russi come il Rubin Kazan.

Leggi anche: