Suarez contro Thohir: “Inter non in buone mani, già chiede aiuto”

Luisito Suarez, ex stella dell’Inter, ha parlato di Thohir e della sua ex squadra.

L’ex calciatore nerazzurro ha commentato il momento turbolento, sia sportivo che societario, delle due squadre milanesi, intervenendo alla Radio dell’Università Niccolò Cusano, Radio Cusano Campus.

“All’Inter due anni fa è arrivata una persona nuova, sembrava dovesse fare sfracelli, invece dopo poco tempo sta chiedendo aiuto- ha affermato Suarez– Si sta perdendo tanta di quella identità italiana che si riflette anche nella squadra. Non mi riconosco più e mi dispiace. L’Inter e il Milan in questo momento avrebbero bisogno di persone di grande carisma, anziché andare a finire nelle mani di persone che non sai bene quali sono i motivi per cui vengono ad acquistare queste società”.

Suarez ha poi commentato le dichiarazioni di Maradona sulla Juventus ed i favori arbitrali: “E’ esagerato quello che dice Maradona- ha commentato Suarez -Non si può vincere 5 anni di seguito semplicemente perché hai il palazzo dalla tua parte. Le partite bisogna vincerle sul campo. Che poi venga favorita in qualche circostanza è vero, ma vengono favorite anche altre squadre. Solo che le altre squadre hanno la forza per vincere solo qualche battaglia, mentre la Juve vince la guerra. La Juve ha un presidente con personalità, un direttore generale e un allenatore, ognuno con le sue competenze, come si faceva un tempo. E stanno andando avanti alle grande e andranno avanti ancora per anni, perché le altre squadre sono troppo indietro”.

In conclusione, un pensiero sullo Scudetto del 2006, assegnato all’Inter d’ufficio: “Io non avrei accettato lo scudetto del 2006. Casomai lo togli alla Juve ma non lo puoi consegnare all’Inter, che è arrivata terza quell’anno. Era meglio non assegnarlo e basta. Non mi è sembrata una cosa giusta darlo all’Inter”.

Leggi anche: