Tensione in casa Milan: l'Europa League non salva Seedorf?

Nonostante le 4 vittorie consecutive in casa Milan, l’aria è pesante. A scuotere le polemiche in questi giorni è il caso Montolivo, secondo cui il tecnico rossonero Clarence Seedorf si sarebbe fatto influenzare da Galliani nelle sue scelte, decidendo dopo la comunicazione della formazione di quest’ultimo di schierare in campo un giocatore ormai destinato alla panchina. Voci che vengono smentite fin da subito, ma che lasciano in giro un’aria frizzante, alimentando così il già presente malcontento per la prestazione poco convincente contro il Catania.

A queste si aggiungono altre voci secondo cui il Milan non si riterrebbe soddisfatto neanche della qualificazione in Europa League, se il prezzo fosse dover passare dal terzo turno preliminare. L’obbiettivo sarebbe infatti il quinto posto al momento occupato dai cugini nerazzurri. L’ipotesi del sesto posto, infatti, costringerebbe il Milan a dover iniziare la stagione molto prima del previsto, alimentando così un malumore ormai presente da tempo nel club di via Aldo Rossi. Dall’altra parte troviamo un Seedorf molto amareggiato che già domenica sera dopo la partita col Catania aveva ribadito il suo disappunto verso questi spifferi al di fuori della sede rossonera. Adesso l’unica risposta che ci si aspetta dal tecnico è la quinta vittoria di fila.

Leggi anche-> Galliani elogia Berlusconi: “Presidente del Milan altri 100 anni”

Leggi anche-> Seedorf a rischio: l’Europa League un imperativo