Tifosi Laziali contro Lotito: “Accuse infamanti contro Ultras Lazio”

VOTA QUESTA NOTIZIA

Prosegue la protesta dei tifosi laziali contro Claudio Lotito. Gli animi della Curva Nord della Lazio si sono nuovamente accesi a seguito delle “accuse infamanti” lanciate dal presidente biancoceleste all’Università Europea di Roma. Nel corso di un intervento Lotito ha parlato di “prostituzione e di droga all’interno della Nord”, accuse pesanti alle quali i tifosi laziali hanno risposto con un comunicato.

Non sono accettabili da parte degli ultras della Lazio tali accuse perché, si specifica nel comunicato diramato, quella biancoceleste è “Una curva dove hanno sempre regnato amicizia, valori, fratellanza e spirito ultras”, forte quindi la reazione contro Lotito in difesa non solo dei propri ideali, ma anche delle donne laziali, le prime ad essere offese dall’uscita infamante del presidente della Lazio: “Non possiamo accettare che un simile personaggio faccia questo tipo di accuse infamanti nei confronti nostri e, tra le altre cose, di tutte le donne che frequentano la curva. Lo sfruttamento della prostituzione è un reato deplorevole e abominevole, lontano anni luce dai nostri principi e dal nostro credo. Il signor Lotito, – prosegue la Curva Nord – con le sue parole, pronunciate poi in un contesto di ragazzi, ha superato il limite. (…) Per questo e per tanti altri motivi, caro presidente, ti abbiamo voltato le spalle”.

A conclusione del comunicato, gli ultras della Lazio annunciano la loro assenza all’Olimpico in occasione del derby contro la Roma: “Abbiamo deciso di seguire il derby insieme, lontano dallo stadio. Questa curva non si divide”.

TUTTE LE NOTIZIE SULLA LAZIO 

Leggi anche: