VOTA QUESTA NOTIZIA

Il vincitore della diciannovesima tappa del Tour de France è Vincenzo Nibali. Il ruggito di un leone echeggia sulle Alpi ed arriva fino in Italia. Lo Squalo dello Stretto, oggi, è un mostro che si nutre di asfalto francese e non lascia spazio a repliche. Lui il vero re quest’oggi.

La partenza oggi ha regalato qualche effimera speranza per tutti i tifosi italiani. Vincenzo Nibali, attualmente settimo in classifica, parte in testa e si porta subito a qualche metro di vantaggio. Quello che sembrava uno scatto d’orgoglio, però, dura solo pochi minuti. Le riprese francesi, infatti, lo ripropongono affiancato al leader Froome poco tempo dopo.

Il team Astana lavora bene, marcato a uomo dal team Sky e dopo metà gara il gruppo dei fuggitivi si porta ad oltre 2 minuti di vantaggio rispetto al gruppo maglia gialla. Oggi tappa breve ma con ben 55 chilometri di salita. Il team Astana lavora bene, affiancando il capitano Nibali e seguendolo ad ogni passo. Sulle montagne francesi, per la prima volta, Froome va in crisi per qualche secondo. Nibali cerca di sfruttare la difficoltà e prova lo scatto, scatto che riesce e che gli permette di portarsi al secondo posto a caccia di Rolland al primo. Il professionista italiano, oggi è in condizioni eccellenti e lo dimostra mettendo in gara non solo le gambe, ma anche il cuore.

A 32 Km dal termine ecco Vincenzo Nibali in testa alla corsa. Sulle salite finali lo Squalo morde, non si ferma un attimo, neanche per rifiatare e si porta avanti con 1 minuto e 50 di vantaggio rispetto al gruppo maglia gialla. La salita finale è quella decisiva. Il nostro Nibali scatta e lascia sul posto anche Rolland, impotente. Al termine sarà Vincenzo Nibali a vincere la diciannovesima tappa.