Udinese-Milan: L'ora di Balotelli e i dubbi di Mihajlovic

Stadio Friuli come banco di prova e consacrazione, il Milan di Sinisa Mihajlovic come scolaretto alle prese con un esame di maturità da dentro o fuori. Udinese-Milan, tutto in una notte e tutto d’un fiato: Carlos Bacca e l’asticella della qualità del gioco leggermente impennata non sono ad oggi sufficienti. L’Inter di Roberto Mancini, la big che ha espresso il gioco peggiore della Serie A, si gode la vetta della classifica con un en plein di 4 vittorie su 4 match disputati. Il segreto? 4 gare e una sola rete subita, ancora meglio di quanto fatto l’anno scorso dalla Sampdoria di Sinisa Mihajlovic, che dopo lo stesso numero di partite aveva incassato solo 2 reti. Tra Balotelli e Bacca, il problema per il momento sembra essere l’equilibrio tra i reparti e la tenuta del pacchetto arretrato, che soprattutto contro il Palermo ha messo in evidenza lacune imbarazzanti:  la premiata ditta Diego Lopez-De Sciglio ha fatto fare bellissima figura ad Oscar Hiljemark, lo svedese che non ti aspetti, che gentilmente ha ringraziato e depositato per ben due volte la palla in fondo al sacco.

Insomma oltre all’enigma Balotelli no, Balotelli sì, per il tecnico serbo è tempo di soluzioni che si spera possano esulare dalle uscite spesso infelici del buon vecchio Sinisa, che quest’oggi si è lasciato andare ad un “fossi in mezzo ai tifosi in tribuna, a volte fischierei anch’io”. E’ vero certo che in campo ci vanno i giocatori, ma d’altronde è vero anche che è compito del tecnico, primo ed ovvio mattoncino della campagna acquisti, risolvere i problemi che fanno mugugnare San Siro. E se a far felice il popolo del Milan fosse proprio Mario Balotelli (bello e disciplinato come forse nessuno ricorda)? Sarebbe senz’altro una conquista meravigliosa, tanto per il Milan quanto per la Nazionale. Ma, in attesa che il bad boys trovi il vero amore, è bene anche che Balotelli ritrovi la via del goal, augurandoci che ciò non sposti in secondo piano i problemi di questo Milan ancora troppo perforabile ed incerto.

Leggi anche: