Ultime Notizie Inter, Fassone: "Mi scuso con i nerazzurri per la foto con la maglietta"

Marco Fassone, direttore generale dell’Inter, ha parlato in una lunga intervista rilasciata a Sky Sport 24, rilasciando importanti dichiarazioni.

Circa l’incarico che ricopre con i nerazzurri, Fassone parla così: “Il mio ruolo significa la consapevolezza di avere una grandissima responsabilità in un momento particolare per la vita della nostra Società: è un momento di transizione e di passaggio tra due azionisti importanti molto complementari tra di loro, sento forte sulle spalle il privilegio di essere stato scelto come direttore generale e la responsabilità di portare i risultati che gli azionisti si aspettano”.

Il direttore continua a parlare dell’Inter del futuro: “Noi a partire dall’anno prossimo adotteremo alcuni correttivi che possono assomigliare a queste misure, quindi una rosa che sia coerente col numero di competizioni da disputare, un mix di giocatori più esperti e più giovani all’interno della rosa stessa come detto più volte dal presidente per arrivare all’obiettivo di un’età media di 26 anni e mezzo. Qualcosa di quello che dovrebbe essere il progetto dell’intero calcio italiano si potrebbe vedere nell’Inter della prossima stagione. I nostri piani cercano di riportarci in equilibrio nel giro di 2-3 anni, molto conta il disputare la Champions League (ha un’incidenza sul fatturato dei club che in un club di Serie A può avere un’incidenza del 25% sul fatturato), disputandola ci si può arrivare prima, se no un po’ più in ritardo, ma i nostri non sono piani biblici, ma prevedono il rientro a un equilibrio di bilancio nel giro di 2-3 anni. Non dobbiamo dimenticarci che dal 2010 in avanti è partito il Fair Play Finanziario, anche volendo non potremo permetterci tempi più lunghi dovendo rispettare il regolamento UEFA”.

Parla, inoltre, della ristrutturazione dello Stadio: “Ci sono dei progetti di brevissimo periodo già parzialmente in atto che dovrebbero rendere lo stadio in grado di ospitare nel migliore dei modi, qualora la UEFA ce la concedesse, la finale di Champions League 2016. 
Poi c’è un pensiero più di lungo periodo, accarezzato da quando il Milan si è indirizzato verso uno stadio nuovo: l’idea di rimanere da soli a San Siro potrebbe essere interessante. Col presidente abbiamo deciso di completare quest’attività di rifinanziamento che ci sta assorbendo molto in questi mesi. Quest’estate, una volta sistemata la parte di rifinanziamento della Società, ci si concentrerà sulla scelta da fare relativamente allo stadio che ci presenterà almeno due opzioni: andare in uno stadio nuovo o restare in un San Siro rinnovato e rivitalizzato. L’idea di un nuovo impianto non è stata accantonata, diciamo che abbiamo più di un’alternativa sul tavolo, mentre fino a sei mesi fa il Milan aveva sempre manifestato assoluta contrarietà a spostarsi. Vogliamo valutare bene i costi di entrambe le opzioni e prendere la decisione migliore per il club”.

Infine, la domanda che ai tifosi, forse, interessa di più. La famosa foto che lo ritraeva con i supporters della Juventus“Ahimè, sono gli incidenti di percorso che ogni tanto capitano. Credo che tanti dirigenti abbiano l’abitudine di frequentare i club, di andare a fare incontri con i tifosi. C’è l’abitudine che i tifosi ti portino qualcosa in regalo a fine serata, quella sera mi portarono una maglietta che io srotolai per vederne il contenuto. Non ebbi la prontezza di spirito di ripiegarla e metterla giù. Fu un ingenuità, mi scuso se questo ha offeso qualcuno, certamente non era mia intenzione. Oggi con un po’ più d’esperienza non lo rifarei”.

Leggi anche -> Notizie Inter, Thohir: “Calciomercato? Prenderemo uno tra Torres, Morata e Dzeko”

Leggi anche -> Notizie Inter, Thohir incontrerà Florentino Perez