Ultras Livorno Scontri: Pinsoglio picchiato dai tifosi dopo Retrocessione

La retrocessione in Lega Pro scatena gli ultras del Livorno. Scontri e proteste, poi a Tirrenia il portiere Pinsoglio viene picchiato dai tifosi.

Come se non bastasse già il duro verdetto del campionato di Serie B, con la retrocessione in Lega Pro del Livorno giungono puntuali scontri, proteste e minacce da parte degli ultras. I giocatori, al termine della partita contro il Lanciano, sono stati costretti a rimanere all’interno dello stadio per evitare un contatto diretto con i tifosi e che la situazione degenerasse. Precauzione che è servita a poco perché, una volta giunti a Tirrenia, il portiere Pinsoglio è stato aggredito.

Il Livorno viene retrocesso in Lega Pro dopo 14 anni, retrocessione storica e non digerita dagli ultras che, conosciuto il verdetto del campionato di Serie B, hanno preso di mira la squadra con insulti e minacce. A finire nel mirino degli ultras è stato in particolare il portiere Pinsoglio che è stato picchiato dai tifosi a Tirrenia in tarda notte. Gli errori commessi dall’estremo difensore durante la partita contro il Perugia sono stati, secondo i tifosi, decisivi per l’esito della stagione e proprio questa è stata la ragione della barbara aggressione a Pinsoglio.

Leggi anche: