Vendita Milan, Berlusconi: "Cessione? Attendo le persone giuste"

Silvio Berlusconi, che nelle ultime settimane ha parlato parecchio di un’eventuale cessione del Milan, ha affrontato nuovamente il discorso ai microfoni di Italia 7 Gold, spiegando: “L’ingresso di capitali stranieri nel calcio, come ad esempio quelli del Qatar, rende difficile la vita a una famiglia come la nostra. Abbiamo ricevuto diverse offerte ma aspettiamo le persone giuste. Ho trattato quote dal 49% al 75%, e tutti mi hanno chiesto di restare. Se le trattative dovessero andar bene il Milan tornerà protagonista come un tempo”.

L’ex Premier ha poi così proseguito: “Tutti i miei interlocutori mi hanno chiesto di restare perché il nome Milan nel mondo è associato a quello della famiglia Berlusconi. Se non dovesse concretizzarsi nulla continuerò ad investire da solo, ho intenzione di costruire un Milan all’italiana, con tanti giovani prodotti del vivaio che siano un esempio per le generazioni a venire”.

Infine Berlusconi ha dedicato un’ultima battuta su Filippo Inzaghi, silurato in settimana dalle parole del Cavaliere: “Non l’ho esonerato, ma ho solo detto che spesso non sono d’accordo con le sue scelte. Ha preso le sue decisioni e l’ho lasciato libero di fare, così come è successo con gli altri allenatori. Non è esonerato e continua con il suo lavoro”.

Leggi anche: