Voti Juventus-Napoli 0 – 1: le pagelle degli azzurri

Promossi quasi tutti i partenopei con Koulibaly migliore in campo. Bocciato Milik che non entra mai in partita, mentre poco lucido Mertens.

Tripudio e festa in casa azzurra dopo l’impresa dall’Allianz Stadium. Vincere contro la rivale di sempre nel suo stadio e allo scadere dei 90 minuti, è un motivo di gioia in casa Napoli. I ragazzi di Sarri hanno interpretato al meglio la gara e alla fine la vittoria è stata più che meritata per quanto visto in gara. Un solo punto separa adesso il Napoli dalla Juventus, ma i partenopei hanno dalla loro un calendario più agevole che potrebbe permettere il sorpasso e il sogno scudetto.

Le pagelle del Napoli 

Reina voto 6,5. Qualche uscita avventurosa di troppo, ma alla fine controlla bene la gara. Gli attacchi juventini non sono così insistenti e per sua fortuna passa una serata tranquilla e senza troppi pensieri. Sereno.

Hysaj voto 6,5. Partita attenta quella dell’albanese che prima tiene e contiene Matuidi e poi frena le ascese di Douglas Costa. Non soffre quasi mai e gioca una partita tattica praticamente perfetta. Gasato.

Albiol voto 7,5. Timbra e francobolla il numero 9 bianconero costantemente. Non lo fa girare, non si fa saltare nell’uno contro uno e lo anticipa quando può in maniera secca e pulita. Giganteggia in difesa come non si vedeva da un po’. Monumentale

Koulibaly voto 8. Il migliore in campo è sicuramente il centrale senegalese. Come il suo compagno di reparto chiude tutti i varchi e intristisce uno già sfortunato Dybala. Sontuoso nella ripresa quando raddoppia su Cuadrado ed esce palla al piede nelle ripartenze. Gara impreziosita da quel gol allo scadere che trafigge la Juventus e potrebbe spostare gli equilibri di questo campionato. MVP

Rui voto 6,5. Affonda quando può e crea superiorità numerica. La sua tecnica mette in costante difficoltà Howedess che nei primi minuti non ci capisce molto. Duetta bene con Hamsik e Insigne. Per fortuna Ghoulam non viene rimpianto troppo. Devastante.

Allan voto 7. Recupera una quantità industriale di palloni a centrocampo e ci mette la solita indispensabile dose di quantità e sostanza in mezzo al campo. Vince nettamente il duello con Khedira. Cala nel finale per stanchezza. Fondamentale. Rog SV.

Jorginho voto 6,5. Il motore del Napoli è l’italobrasiliano. Se il numero 8 azzurro gira, l’intera squadra sembra un turbo diesel che accelera e decellera a piacimento. Smista palloni con giocate di classe e qualità. Imprescindibile.

Hamsik voto 6,5. Buona gara del capitano napoletano. Sbaglia qualche tiro di troppo, ma è nel vivo dell’azione sempre. Avrebbe meritato la via del gol ma pazienza. I triangoli con Insigne e Rui sono qualcosa di fenomenale e nel tocco di prima si dimostra unico. Zielinski voto 6,5. Ottima prestazione del polacco che entra e disputa una buona gara.

Callejon voto 6,5. L’uomo dell’equilibrio è proprio lo spagnolo. Si propone lì davanti, impegna Buffon, si accentra e raddoppia su Douglas Costa. Un giocatore a tutto campo che cala solo nel finale. Instancabile

Mertens voto 5,5. Il folletto belga è fuori condizione e si vede. Non è mai pericoloso e i due centrali juventini sanno bene come fermarlo. Appare troppo in balia degli avversari e dunque Sarri fa bene a toglierlo. Stanco. Milik voto 5. No decisamente non ci siamo. Lezioso, inconcludente e spesso non si è capito cosa volesse fare con la palla. Da uno della sua qualità ci si aspettava un impatto migliore. Rimandato.

Insigne voto 7. Sulla corsia sinistra è praticamente ovunque. In difesa, a centrocampo, in attacco. Partita di grande tecnica, qualità e quantità giocata dallo scugnizzo napoletano a cui è mancato solo il gol. Monster

Sarri voto 8,5. Il Napoli fa la partita che deve fare: corre, pressa, gioca a calcio e che calcio. La Juventus sembra aver parcheggiato un autobus a due piani dinanzi la porta, fino al momento del gol liberatorio. Se gli azzurri sono arrivati sino a qui molto del merito è di Sarri. Vince una partita tattica e da una sonora lezione ad Allegri: non basta avere i campioni se il gioco latita.