Voti Lazio-Roma 0-0: le Pagelle dei Biancocelesti

Bene Leiva e Parolo, male Radu per l'espulsione

Oltre a quelli della Roma, vediamo i voti e le pagelle dei giocatori biancocelesti nel derby finito 0-0, per capire chi della Lazio ieri sera ha fatto bene e chi meno.

Finisce con un pari e patta la “stracittadina” di Roma. I biancocelesti dopo la disfatta di Salisburgo, hanno potuto preparare il Derby con due giorni in meno e il morale decisamente diverso dai cugini giallorossi, ma nonostante questo e più di 10 minuti in inferiorità numerica per l’espulsione di Radu, hanno fornito un’ottima prova rischiando anche di vincerlo in 10.

Le valutazioni dei giocatori biancocelesti

STRAKOSHA 6,5: Non è molto impegnato. Regala brividi ai propri tifosi con i soliti rinvii al cardiopalma. Nel finale si oppone a Dzeko con un grandissimo intervento che gli vale la sufficienza piena.

LUIZ FELIPE 6: E’ il suo primo Derby, ma non patisce l’emozione. Prende un’ammonizione al 36′ che condizionerebbe anche un giocatore esperto. Lui invece gioca una partita diligente e ordinata da veterano navigato.

DE VRIJ 6,5: Dopo la brutta partita di giovedì, l’olandese torna il solito baluardo difensivo giocando con freddezza e precisione garantendo fiducia a tutto il suo reparto.

RADU 5: Il romeno è un combattente, ma soffre sempre troppo il Derby. Nel primo tempo annulla Schick. All’80’ prende un ingenuo secondo giallo evitabile lasciando la sua squadra già stanca, in 10. Grave errore per un giocatore della sua esperienza.

MARUSIC 5,5:Torna titolare dopo l’esclusione in Europa league. E’ fresco e si vede. Corre e ingaggia un bel duello con Kolarov. Un voto in meno per il clamoroso gol mangiato che avrebbe cambiato le sorti della stracittadina.

PAROLO 6,5: La solita grande partita genorosa. E’ instancabile, corre e lo si vede dovunque, in difesa, a centrocampo e in avanti, quando al 7′ sfiora un gol  con una tiro che meriterebbe migliore sorte.

LEIVA 6,5: Inizia sottotono sbagliando passaggi che farebbe ad occhi chiusi. Prende un’ammonizione dopo solo 11 minuti e pensi che la sua finita finica lì. Invece, è proprio da lì che inizia a giocare come siamo abituati dettando ordine con le sue geometrie, lottando come un guerriero.

MILINKOVIC-SAVIC 6: Anche lui è giù di forma, ma la sua fisicità e’ fondamentale. Con Fazio fa a sportellate e perde qualche contrasto aereo. All’ultimo minuto prova il tiro della domenica da centrocampo che rischia di entrare sotto il sette: sarebbe scesa giù tutta la Curva Nord!

LULIC 5:Il bosniaco è stanco, ma “il boia del 26 Maggio” non puo’ mai mancare al Derby. Nel primo tempo soffre Bruno Peres. Al 57′ in contropiede non riesce per tre volte a passare la palla…Inzaghi lo toglie stremato. (58′ LUKAKU 6: Entra bene in partita, con le sue sgroppate sulla fascia mette in apprensione la difesa giallorossa).

FELIPE ANDERSON 6: Nel primo tempo fa impazzire i propri tifosi, con accelerazioni e fiammate improvvise che accendono la partita. Inzaghi lo fa uscire stranamente troppo presto, lui non approva uscendo a testa bassa andando direttamente negli spogliatoi. (58′ LUIS ALBERTO 5,5: lo spagnolo delle ultime partite non è lo stesso giocatore abituato ad illuminare con le sue giocate, anche stavolta fa davvero poco. Si vede solo in un’occasione qundo sfiora il palo, ma da i sui piedi ci sia spetta molto di piu’.)

IMMOBILE 5,5: Re Ciro non è in giornata. Lotta contro Manolas e Fazio, ma è pericoloso solo una volta quando “scucchiaia” di poco a lato. E’ stanco, gioca sempre e ha bisogno di rifiatare. (82′ BASTOS: SV).

ALL. INZAGHI 6: Ha il grande merito di rigenerare i suoi ragazzi dopo la cocente eliminiazione di giovedì a Salisburgo, col morale a terra e giocare due giorni dopo subito il Derby. I suoi uomini non lo tradiscono e in campo mettono cuore e anima portando a casa un prezioso punto che fa morale e classifica.