Voti e Pagelle Arsenal-Milan 3-1 (Europa League)

Decisivo Welbeck con una doppietta, male Donnarumma

La partita di Londra, Arsenal-Milan, sancisce la fine dei sogno europei del rossoneri, vi proponiamo le pagelle con i voti dell’incontro di Europa League terminato 3-1.

Sintesi di quanto accaduto

Partita che sembrava mettersi sui binari giusti, poi la simulazione di Welbeck ed il rigore che rimettono gli inglesi in netto controllo. 3-1 il parziale finale del ritorno con reti di Calhanoglu, Welbeck (rig), Xhaka e ancora Welbeck. Risultato complessivo di 5-1 per i Gunners, il Milan adesso dovrà reagire e rituffarsi nel campionato, a Gattuso una bella gatta da pelare. Ecco le pagelle dell’incontro.

Le pagelle dell’Arsenal:

Ospina: Subisce una rete bellissima, almeno per chi guarda la partita, poi interviene come si deve in un paio di occasioni. 6
Bellerin: Si propone tantissimo, sembra un’ala esperta quando viene servito in diversi 1-2 dai compagni di squadra. 6,5
Mustafi: Rischia poco e niente, ci mette anche il fisico, ordinato. Il giallo sembrava non esserci. 6,5
Koscielny: (esce al 10′) Senza voto
Monreal: Inizio spumeggiante, sulla sinistra si inserisce molto, nella ripresa cala e si becca un giallo. 6,5
Ramsey: Straordinario il suo modo di interpretare la partita, a volte costruisce di fianco a Xhaka, altre volte è un trequartista o addiritturo l’uomo d’area. Onnipresente. 7
Xhaka: E’ l’unico dei centrocampisti ad inserirsi poco o nulla, grazie a Donnarumma segna una rete meritatissima per il suo gioco difensivo. 7
Mkhitaryan: (esce al 68′) Forse l’unico calciatore sotto tono tra i suoi, nel primo tempo, a parte qualche cross non è stato un granchè. 6
Wilshere: Sembrava quasi nascondersi dietro Welbeck, pian piano ha cominciato a giocare più arretrato e la sua partita è molto migliorata. Un suo inserimento in area ha favorito il terzo gol inglese. 6,5
Ozil: (esce al 78′) Al centro, a destra, a sinistra, se c’è da assistere i compagni lui è sempre presente e spesso gioca di prima, una gioia per gli occhi. E’ lui il migliore in campo. 8
Welbeck: Simulare non è molto corretto, ma intanto si è procurato il rigore che ha poi segnato, ha corso tanto e realizzato un facilissimo 3-1 da pochi centimetri. 7,5
Chambers: (entra al 10′) Forse il suo ingresso migliora l’Arsenal, non si risparmia mai, spesso compie buoni anticipi. 6,5
Elneny: (entra al 68′) Fa il suo lavoro, ovvero quello di intervenire in qualche contrasto ed equilibrare il centrocampo. 6
Kolasinac: (entra al 78′) Senza voto.

Quelle del Milan:

Donnarumma: L’errore sul gol di Xhaka è davvero brutto, ciò nonostante spesso ci mette una pezza. 5
Borini: Che il terzino sia il suo ruolo migliore? Prestazione molto buona, spesso anche in fase difensiva, dove meno ce lo si aspetta. Il migliore del Milan. 6,5
Bonucci: A volte sembrava attendere un po’ troppo gli avversari, oltre a ripiegare serve metterci il fisico, specie contro squadre così. Qualche bel lancio, come lui sa fare. 6
Romagnoli: Ammonito per proteste, ha provato qualche volta a fare il regista insieme ai centrocampisti, ma il dominio del campo rossonero è durato molto poco. 5,5
Rodriguez: Non gli si può imputare qualcosa dato che nulla ha fatto a Welbeck che si è procurato quel rigore ammazza morale. Tuttavia spesso impreciso. 5
Suso: Viene cercato quanto basta, lui ci mette il suo però per sbagliare qualche pallone di troppo, da quella parte il Milan ha solo Borini in gran forma questa sera. 5
Kessiè: (esce al 78′) Difficile far valere il fisico contro certi avversari, non bene quando prova ad attaccare con la squadra, gli spazi sono pochi. 6
Montolivo: Non gioca una brutta gara, ma non si fa notare molto. Pochi i contrasti vinti, pochi i palloni utili per le punte. 6
Calhanoglu: (esce al 69′) Impalpabile sino al gol, aveva sbagliato un po’ di palloni ma il Milan è sembrato risorgere grazie al suo bellissimo gol. 6,5
Cutrone: (esce al 66′) Poco servito e poco in partita, ci prova su assist di Silva ma la mette a lato in acrobazia, peccato. 5,5
Silva: Inizio non brillante, ma tantissima corsa e tanta voglia di fare. Non bastano per lasciare una traccia indelebile, ma almeno ci ha provato. 6
Kalinic: (entra al 66′) Prova a metterci la testa in un’occasione ma il tiro è centrale. Non ha demeritato ma neppure cambiato la gara. 6
Bonaventura: (entra al 69′) Lui entra e l’Arsenal la chiude del tutto un minuto dopo, non ha colpe e non ha potuto far vedere molto, il Milan era già a casa. 6
Locatelli: (entra al 78′) Senza voto.