Il vincitore della terza tappa della Vuelta di Spagna è Peter Sagan.

Oggi si è corsa una giornata particolare, perché è stata la prima tappa senza Vincenzo Nibali nella corsa iberica. Il corridore dell’Astana è stato squalificato per essersi attaccato alla sua ammiraglia dopo la caduta in cui era rimasto coinvolto ieri. Al via ecco un consistente gruppo di atleti portarsi in testa, la fuga è partita e dopo 25 km sono già due i minuti di vantaggio. Il vantaggio non accenna a diminuire, anzi continua a salire a 4 minuti quando mancano 100 km all’arrivo.

Il percorso a tratti scosceso, con strappi in salita, ma anche tratti in discesa, permettono al gruppo maglia rossa di recuperare terreno, fino a dimezzare il distacco. A 40 chilometri dall’arrivo il gruppo ha un ritardo di 1’15” dai fuggitivi, ma quello che colpisce è la caduta in gruppo per Bennati, Bouhanni e di professionista Sky.

Dopo diversi scatti sono rimasti in testa solo Gougeard e Tjallingi che provano a vincere la terza tappa della Vuelta di Spagna, ma il loro vantaggio scende a 30 secondi dopo pochi chilometri. Durante la volata finale è Peter Sagan a vincere.