Angelomario Moratti: "Mio padre c'è rimasto male per gli striscioni della Curva Nord"

In coda alla attesissima prima conferenza stampa di Erick Thohir quale presidente dell’Inter, Angelomario Moratti ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Sinceramente mio padre ci è rimasto male per gli striscioni, sicuramente.” Il riferimento è agli striscioni di addio della Curva Nord durante Inter-Livorno dello scorso sabato, terminata 2-0 per i nerazzurri.

Nei lunghi striscioni degli ultras c’erano parole di ringraziamento ma anche qualche vena polemica sulla gestione degli ultimi 18 anni. L’ormai ex presidente Massimo Moratti era rimasto piuttosto impassibile durante tutto il match, ma a quanto pare l’addio della curva gli ha procurato non poca amarezza.

Striscioni per Massimo Moratti Inter-Livorno

La chiusura di Angelomario è comunque positiva e scherzosa: “Se cambierà qualcosa adesso? Lavoreremo ancora tutti quanti insieme. Adesso però il lunedì mattina non romperete le scatole più a noi (sorridendo, ndr). Dovrete andare a Giacarta!” La battuta si riferisce chiaramente all’assedio dei giornalisti che ogni lunedì mattina Massimo Moratti doveva affrontare fuori dagli uffici della Saras.

Leggi anche–> Inter-Livorno: la Nord saluta Moratti (Foto)

Leggi anche–> Moratti-Inter: addio senza lieto fine?

Leggi anche–> Moratti lascia a Thohir: “18 anni di emozioni”