Atalanta-Torino 0-0: sintesi della gara

Gomez e Belotti non riescono a trovare il tapin vincente.

Termina a reti inviolate la gara Atalanta-Torino, valida per la sesta giornata del Campionato di Serie A. Il turno infrasettimanale, dunque, non porta soddisfazioni né alla Dea e né al Toro. Padroni di casa più padroni del campo ma poco incisivi sotto porta, ospiti sulla difensiva e in parte ancora storditi dal ko con il Napoli. Un punto che non cambia molto la situazione in classifica dei due club ora appaiati a sei punti. Ma andiamo vedere cosa è accaduto allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia.

Sintesi della gara

I 18.000 fedelissimi non bastano alla squadra di Gasperini che rilancia, tra i pali, dal primo minuto Berisha e fa accomodare in panchina Gollini. Confermati i tre difensori Toloi, Palomino e Masiello. Sulla mediana la solita coppia De Roon-Freuler. Sugli esterni Castagne e Gosens preferiti a Hateboer e Adnan. Rigoni, preferito a Pasalic, nel tridente offensivo insieme a Gomez e Zapata.

Mazzarri punta invece su Belotti, unica punta, assistito da Parigini. Out Zaza e Soriano. Solito centrocampo a cinque con la regia di Baselli in coppia con Meitè e Rincon. Mentre sugli esterni a destra De Silvestri, a sinistra Aina preferito a Berenguer. A sorpresa, in difesa, Djidji preferito a Moretti, accanto a Izzo e Nkoulou.

Presente in tribuna l’ex C.T. della Nazionale Italiana, Gianpiero Ventura. Partenza forte della Dea che ci prova già dopo cinque minuti con Gomez che approfitta di un errore di De Silvestri, recupera palla e lascia partire una conclusione dal limite che non inquadra lo specchio della porta. Quattro minuti più tardi ancora Atalanta, Zapata porta palla al limite, poi serve un cross per Rigoni che, però, colpisce col piede meno abile e calcia fuori. La prima reazione granata arriva al 14′ con un gran destro di Belotti dalla distanza che non causa problemi a Berisha. Unica azione dei granata nella prima frazione di gara.

Secondo tempo

Al 3′ Palomino stende Belotti e viene ammonito. Punizione battuta dal Gallo che trova la ribattuta della barriera. I padroni di casa con una marcia in più nella ripresa che ci provano con Zapata prima al 4′ poi al 6′, prima un colpo di testa che trova i guantoni di Sirigu poi con il sinistro calcia fuori da posizione defilata. Granata che si difendono e stentano ad attaccare. Alla fine trionfa la paura di perdere, termina a reti inviolate, un pareggio che comunque lascia il malcontento da entrambe le parti.