Bologna-Inter: Anche il nerazzurro Khrin nelle file dei felsinei

Oltre a Diego Laxalt, c’è un altro giovane nerazzurro che sta davvero ben figurando nel Bologna: Rene Khrin.

Centrocampista sloveno classe 1990, arriva in Italia per giocare nella Primavera dell’Oltre a Diego Laxalt, c’è un altro giovane nerazzurro che sta davvero ben figurando nel Bologna: Rene Khrin. Centrocampista sloveno classe 1990, arriva in Italia per giocare nella Primavera dell’Inter nella stagione nella stagione 2006/2007 dal Maribor. Nel 2008 vince il Torneo di Viareggio con la squadra nerazzurra, ai tempi con ancora Balotelli in rosa.

Nella stagione 2009/2010, Josè Mourinho si accorge di lui e lo aggrega alla prima squadra, facendolo addirittura esordire in serie A il 13 settembre 2009 nella partita casalinga con il Parma, subentrando a Wesley Sneijder. Khrin gioca 5 partite in Serie A in quella stagione e viene paragonato al suo idolo Esteban Cambiasso per capacità tecniche e tattiche, dimostra, infatti, buona visione di gioco e grande abilità nel passare; essendo nella lista Champions del 2009/2010, pur non esordendo nella massima competizione europea, è anche lui uno degli uomini del Triplete interista.

Tifosi Bologna

Nella stagione successiva viene ceduto in compartecipazione al Bologna, dove però totalizza solamente 4 presenze. Nell’estate 2011 i nerazzurri e la società felsinea si accordando per rinnovare l’accordo di comproprietà e Rene prende parte a solo 7 partite a causa della rottura del legamento crociato, segnando il suo primo gol, e finora unico, il 13 marzo 2012. La stagione 2012/2013 vede il centrocampista sloveno grande protagonista della stagione dei rossoblù, con 21 presenze e ottime prestazioni. Infine, in questo inizio di campionato, è partito titolare in ben 7 partite, diventando perno del centrocampo bolognese.

Va sottolineato, inoltre, che Khrin può già vantare 15 presenze nella Nazionale maggiore del suo paese e ha partecipato al Mondiale sudafricano del 2010. Domenica si troverà di fronte la squadra che lo ha portato nel “calcio che conta” e proverà a convincere i dirigenti nerazzurri e Mazzarri a riportarlo sotto la “Madunina”, per provare ad entrare a far parte del progetto-giovani di talento, tanto caro anche al nuovo il presidente Erick Thohir.

TUTTO SU BOLOGNA-INTER

Leggi anche -> Bologna-Inter: I nerazzurri ritrovano Laxalt

Leggi anche -> Bologna-Inter: Precedenti e Statistiche in Serie A