Calciatore licenziato per aver appoggiato l’azione militare della Turchia

E’ quanto accaduto in Germania: il club di seconda divisione del St. Pauli, notoriamente molto sensibile a questioni simili e sempre schieratosi contro qualsiasi azione militare, ha licenziato ufficialmente un proprio tesserato, ovvero Cenk Sahin reo di aver sostenuto tramite social l’azione militare del proprio governo in Siria, al centro di pesanti critiche da buona parte del mondo.

MIGLIORI INTEGRATORI PER DIMAGRIRE: ORA IN OFFERTA SPECIALE
CLICCA QUI


Il giocatore manterrà il suo attuale contratto e potrà allenarsi ma non potrà disputare partite con il club che ha testualmente dichiarato e ricordato “Il fatto che rifiutiamo ogni atto di guerra non può essere in discussione“.