Calciatori a costo zero, tutti gli svincolati a settembre 2014

Chiusosi ieri sera alle 23, il mercato potrebbe però riservare nuovi colpi per le squadre che sono ancora alla ricerca di calciatori. A costo zero, infatti, c’è una marea di giocatori che, a settembre 2014, si sono ritrovati senza squadra e quindi, da svincolati, possono accasarsi in qualunque momento della stagione laddove essi ritengano più opportuno o soddisfacente. Magari, anche l’Inter, che non ha trovato una punta nelle ultime ore di mercato, potrebbe attingere da questa lista per dare un rinforzo a Mazzarri.

Tra i volti noti al calcio italiano, i nomi più noti sono quelli di Amelia, portiere che ha lasciato il Milan senza però trovare un’altra squadra, André Dias, difensore ex Lazio, Dossena, esterno sinistro transitato a Udine e Napoli in passato, gli ex nerazzurri Mariga e Mudingayi, e di Emeghara, giustiziere nerazzurro quando era al Siena.

Andando fuori confine, le occasioni si sprecano. Chi avesse bisogno di un portiere può rivolgersi a Hildebrand o a Victor Valdes (quest’ultimo deve però recuperare dal grave infortunio al ginocchio e sarà fuori almeno fino a novembre); in difesa c’è il roccioso Diakité, svincolatosi dal Sunderland e che potrebbe tornare in Italia (si parla di Juve e Napoli su lui) e l’esperto Lugano, capitano della Nazionale dell’Uruguay all’ultimo Mondiale; a centrocampo spiccano i nomi dei maliani Alou e Mahamadou Diarra, dell’ex nerazzurro Karagounis e dell’ex Liverpool Pennant, in passato accostato al Napoli.

In attacco, qualora l’Inter volesse davvero completare la rosa con calciatori a costo zero, tra gli svincolati presenti in giro i nomi concreti potrebbero essere quelli di Florent Malouda, svincolatosi pochi giorni fa dai turchi del Trabzonspor, e di Ronaldinho, che non ha bisogno di presentazioni. I due nomi, magari con contratto annuale, potrebbero stuzzicare la fantasia del ds Ausilio? Al momento sembra difficile ma con le mille pieghe che può prendere la stagione non bisogna mai dare nulla per scontato.

Leggi anche–> Inter, manca un attaccante: di chi è la colpa?

Leggi anche–> Parametro zero: tutte le occasioni in Italia