Calciomercato Inter, il punto sulle trattative di Piero Ausilio

Piero Ausilio, direttore sportivo dell’Inter, ha fatto il punto sulle trattative di calciomercato che vedono protagonista l’Inter. Ai microfoni di Tuttosport, infatti, oltre a parlare di Mazzarri, Thohir e del suo futuro, l’uomo di mercato nerazzurro ha analizzato anche lo stato delle manovre che la società sta facendo per rinforzare la squadra a gennaio o direttamente la prossima estate. La prima considerazione è per Rolando, da molti visto vicino al ritorno alla riapertura del mercato: “Ha 29 anni e il contratto in scadenza nel 2016. Il Porto non lo regala e io non ho voglia di rimettermi a trattare con loro”.

L’infortunio di Osvaldo apre la caccia ad un attaccante. Ausilio, però, ci tiene a fare una precisazione: “Noi a fine agosto avevamo deciso di restare con tre attaccanti più i giovani e al momento non abbiamo cambiato idea. L’ultimo movimento che volevamo fare in estate era l’acquisto di Bonaventura, ma era legato all’uscita di Guarin. Il giocatore dell’Atalanta era stato bloccato, l’operazione disegnata col prestito con diritto di riscatto legato a un tot di presenze. Parallelamente stavamo trattando la cessione di Guarin al Valencia. Quando gli spagnoli verso le 18.30 del primo settembre hanno deciso di chiederci il giocatore solo in prestito, abbiamo valutato di tenere Guarin: siamo l’Inter e un giocatore importante o lo si vende o lo si tiene, non si presta”.

ausilio
Piero Ausilio è l’uomo al quale Erick Thohir ha demandato la gestione del mercato dell’Inter

Nel reparto avanzato, però, il nome di Borini sembra essere sempre caldo“È presto. Aspetto dicembre per fare delle valutazioni sulla rosa. Oggi resto convinto che l’organico messo insieme sia giusto. Comunque Fabio mi piace, ma il Liverpool se ne priva solo per una bella somma di denaro. Abbiamo fatto un tentativo in estate, ma poi abbiamo chiuso per Osvaldo, la prima scelta di Mazzarri”. Accanto a quello di Borini, un altro nome accostato ai nerazzurri è stato quello di Firmino dell’Hoffenheim“Sono andato in Germania, mi è stato detto che non bastavano 22 milioni per l’80% e sono tornato a casa senza neanche mangiare”.

Il calciomercato dell’Inter si baserà sulla ricerca di giovani talenti e, a tal proposito, sono da monitorare gli atalantini Baselli e Zappacosta, per i quali Ausilio si limita a poche parole d’elogio: “Sono due giovani interessanti e per questo li seguiamo”. Oltre ai giovani, le contingenze economiche imporranno, a meno di una qualificazione alla Champions 2015-2016, un mercato basato su trattative per i calciatori a parametro zero“Alla luce dei parametri che la proprietà mi ha dato, anche la prossima estate faremo il mercato in certo modo, a meno che non arrivi la Champions. Di conseguenza l’Inter ha il dovere di stare attenta ai calciatori in scadenza di contratto, come Konoplyanka e Schar, che sono due giocatori che conosciamo bene”.

Leggi anche–> Calciomercato Inter, fari puntati sul Balotelli brasiliano

Leggi anche–> Calciomercato Inter, piace il nuovo Nedved

Leggi anche–> Calciomercato Inter, Ausilio a caccia di giovani talenti

Leggi anche–> Ausilio punta Darmian per la fascia destra