Calciomercato Inter, Luisito Suarez: "Bisogna rifare la squadra"

Parole di fuoco quelle di Luisito Suarez sull’Inter. L’ex bandiera nerazzurra auspica, infatti, un repentino e deciso ritorno sul calciomercato affinché la squadra possa essere rinforzata nei ruoli dove è più debole, in modo da poter tornare ad essere competitivi e portare a casa i risultati che la piazza, per abitudine e per blasone, si aspetta dai nerazzurri. A La Gazzetta dello Sport, Suarez ha spiegato il suo modo di vedere e quali possono essere, a suo avviso, i giusti ritocchi.

Ecco, nel dettaglio, le sue parole: Le qualità di questa Inter non sono eccelse, bisogna per questo sperare almeno nei risultati, che ti portino in alto. Poi bisognerà mettere mano sul mercato e rifarla. I miracoli non si fanno con i parametri zero. Se non giocavano nelle squadre di provenienza, un motivo ci sarà…” Le parole di Suarez, ad onor del vero, sono contestabili. Vidic, Medel e M’Vila giocavano da titolari inamovibili nei loro ex club e, almeno per i primi due, anche nelle rispettive Nazionali. Discorso diverso, invece, per Dodò e per Osvaldo: il primo ha avuto alla Roma una stagione costellata da infortuni che ne hanno pregiudicato il rendimento mentre l’attaccante ha vissuto quasi da separato in casa al Southampton e alla Juventus, nella macchina perfetta disegnata da Antonio Conte la scorsa stagione, era dura trovare spazio.

Luisito Suarez, dopo aver quindi invocato investimenti in sede di calciomercato, continua pesantemente con le sue valutazioni: “Comunque, è giusto provare ad avere pazienza, è difficile dare un giudizio ora, con una squadra ancora in costruzione: vero è che certi giocatori acquistati sono una scommessa come Vidic, Medel e Osvaldo. Il gruppo ha momenti di sbandamento perché è senza personalità. E così è dura…”.  Anche in questo caso (non ce ne voglia Suarez), definire “scommesse” calciatori affermati come Vidic (18 titoli vinti in carriera) e Osvaldo (uno che i gol li ha fatti dovunque abbia giocato) ci sembra un tantino azzardato. L’Inter meriterebbe più rispetto ma, soprattutto, più fiducia da chi sta nel calcio da anni e conosce l’ambiente, in quanto, si sa bene, basta una sconfitta per mettere sempre tutto in discussione ed essere nell’occhio del ciclone.

Leggi anche–> Suarez già contro l’Inter in passato: “Squadra scarsa, non date colpe a Mazzarri”

Leggi anche–> Luisito Suarez: “Messi era quasi nerazzurro”

Leggi anche–> Suarez su Kovacic: “E’ il perno dell’Inter”