Calciomercato Juventus, James Rodriguez se parte Pogba?

Dopo il “Caso Pogba” della scorsa settimana, ora a tener banco è la situazione di James Rodriguez. Dopo aver trascinato la sua Colombia alla vittoria per 3-1 sull’Ecuador il “diez” del Real Madrid nel post gara si è sfogato ai microfoni parlando del suo rendimento “In Nazionale do il meglio di me perchè ho la possibilità di giocare titolare, qui sono felice perché tutti i miei compagni mi aiutano ad esprimermi al meglio”.

Parole forti che avranno fatto fischiare le orecchie a Zidane e Florentino Perez dato che ultimamente l’ex Porto e Monaco non ha trovato molto spazio nello scacchiere delle merengues, vedendosi sempre preferiti Kroos e Modric dal primo minuto.

Da parte sua però il colombiano, le volte che è stato chiamato in campo per fare la differenza non ha mai convinto ne’ prima Benitez, ne’ poi Zidane.

Il suo contratto scade nel 2020 e ad oggi per portarlo via dalla capitale spagnola servono almeno 65 milioni di euro. Il Real lo acquistò dal Monaco nel 2014, per 80 milioni dopo un incredibile Mondiale. Sulla carta le uniche squadre che potrebbero permettersi James sono il Bayern Monaco, che il prossimo anno potrà contare su Carlo Ancellotti che lo lanciò a Madrid, il PSG e i top club di Premier con il Manchester United in pole.

E la Serie A? Per il nostro campionato James Rodriguez è un sogno; l’unica squadra che potrebbe ambire a lui è la Juventus ma solo nel caso in cui venisse ceduto Pogba. Difficilmente, però, la società reinvestirebbe il capitale in un solo giocatore, infatti, in caso di cessione si profila uno “Zidane bis” con i bianconeri che si rifarebbero il look con 3-4 giocatori di alto livello.

La Vecchia Signora punterebbe su giocatori tipo Dybala: giovani, non affermati ma di grande talento. I nomi più caldi sono quelli di Lukaku pronto per il salto di qualità, Bernardeschi anche se per l’esterno viola sarà molto difficile visti i pessimi rapporti tra le società e Isco, che viste le difficoltà nell’arrivare a Mkhitaryan potrebbe essere un’alternativa valida, anche lui scontento per lo scarso impiego nel Real Madrid.