Calciopoli, Moggi: "Processo inutile"

Le parole di Luciano Moggi  rispetto al terzo atto, quello decisivo, del processo su Calciopoli  sono furibonde: “Tutto questo processo è stato inutile”

MIGLIORI INTEGRATORI PER DIMAGRIRE: ORA IN OFFERTA SPECIALE
CLICCA QUI


È un Luciano Moggi arrabbiatissimo quello che si è presentato oggi ai microfoni di Mattino Cinque: “Qual è il risultato di questi 9 anni di processi e di ingiurie? Tutto è stato prescritto. Con chi esisteva il famigerato sistema se gli arbitri sono stati tutti prosciolti? – ha affermato l’ex direttore generale della Juventus -.

Moggi continua: “Hanno costruito un processo basandolo non su interessi sportivi ma su interessi personali solo perché con le indagini non erano arrivati a niente. Hanno voluto fare fuori gente, come Giraudo, che al calcio italiano poteva ancora servire!”

L’ex dirigente juventino si è poi soffermato sull’ex arbitro De Santis, unico condannato di questo processo, affermando: “Si tratta solo di una pistola senza munizioni perché è stato condannato ma non ha commesso nessun reato.” Anche l’avvocato di Moggi non è rimasto soddisfatto della sentenza perché non ha sciolto il nodo dell’associazione a delinquere perchè nel contesto che si era creato era una accusa poco rilevante .

Insomma, se ci si potevano aspettare novità clamorose si è rimasti a bocca asciutta. Questa sentenza ha creato insoddisfazione anche ai suoi protagonisti.