Cassano ai Mondiali 2014, Prandelli: “Se gioca così, perché no?”

E’ sicuramente Antonio Cassano una delle piacevoli sorprese di questa stagione calcistica in cui non sono mancate le novità, oltre alla solita certezza chiamata Juventus che pure aveva iniziato in sordina. Sul talento di Bari in pochi erano pronti a scommettere dopo la deludente stagione con la maglia dell’Inter, ma ora al Parma sta facendo ricredere tutti e addirittura potrebbe portare la formazione di Donadoni in Europa League grazie al duro lavoro e alle tante giocate per i compagni di squadra e di reparto.

In molti però chiedono al c.t. Prandelli di tenere in considerazione Cassano per i prossimi Mondiali in Brasile, anche perché all’Italia potrebbe servire e molto la fantasia del calciatore del Parma: dopo gli ultimi Europei, l’ex allenatore di Roma e Fiorentina aveva fatto intendere di voler puntare su alcuni giovani soprattutto in avanti, ma a distanza di qualche anno il suo pensiero sembra essere cambiato. Stando alle sue parole in un’intervista a Il Tirrenoil commissario tecnico azzurro sta tenendo in seria considerazione anche il barese.

“Dopo gli ultimi Europei il discorso Cassano si era abbastanza chiuso per sperare nella crescita dei giovani: la porta per lui ora non è né del tutto aperta e né completamente chiusa. Sta anche a lui, ma certamente se a 32 gioca meglio che a 30 perché non dovrei tenerlo in considerazione?”, queste le parole di Prandelli che lascia intendere come la stagione di Cassano al Parma stia mettendo in seria difficoltà lo staff azzurro in vista delle convocazioni per il Brasile.

Leggi anche -> Calcio, le PRIME PAGINE dei quotidiani (20 marzo)

Leggi anche -> Mercato INTER, due grandi obbiettivi per il futuro

Leggi anche -> Fallimento BARI, Angelozzi: “Prendere la società ora è un affare”