Comproprietà via alle Risoluzioni: Cuadrado, Biabiany e Gabbiadini i casi spinosi

Ci sono solo 15 giorni per risolvere le comproprietà, entro il 20 giugno alle ore 20.30 dovrà essere tutto fatto ma i casi che si prospettano dinanzi agli operatori di mercato sono tanti e molti spinosi. Quest’anno è poi l’ultimo anno che tale istituto può essere utilizzato visto che è stato cancellato qualche giorno fa e quindi è  consentito solo di rinnovarle per una stagione, oltre naturalmente a trovare gli accordi per le risoluzioni consensuali.

La lista è davvero numerosa e bisogna partire da Immobile la cui comproprietà è ormai chiusa visto che ci ha pensato il Borussia a prenderlo, mentre Icardi è in bilico tra Inter e Sampdoria con la società nerazzurra pronta a versare 12,5 milioni di euro per prenderlo ufficialmente. SE fin qui è stato tutto piuttosto semplice esistono dei veri e propri casi se ci si addentra nel lungo elenco.

Cuadrado, per esempio, a metà tra Fiorentina e Udinese con la società viola che lo vuole riscattare ma non c’è intesa. Poi Biabiany tra Parma e Sampdoria, così come Gabbiadini che vede i liguri duellare con la Juventus che lo vuole prendere per inserirlo in altre operazioni. Ma anche Berardi tra Sassuolo e Juventus che dovranno discutere pure di Marrone e Zaza.

Leggi anche — > Stop alle comproprietà dei calciatori: la decisione della Figc