Confederations Cup 2013, Disordini in Brasile: rischio cancellazione

Secondo alcune indiscrezioni la nazionale azzurra sarebbe stata minacciata e intimata a lasciare il paese. E adesso interviene il portavoce della Fifa che anche se non ufficialmente chiede maggiore sicurezza e minaccia di cancellare la Confederations Cup. Dopo una intera settimana di disordini, che non si sono placati nonostante la decisione del governo di abbassare i prezzi dei biglietti dei mezzi pubblici, la Fifa dopo un’ attenta valutazione starebbe iniziando a ritenere che nel Paese verdeoro si stiano iniziando a creare dei presupposti pericolosi relativi alla permanenza delle delegazioni delle squadre estere impegnate nel torneo.

proteste in brasile

Imbarazzo della Fifa quindi che non è entusiasta di come il paese sta gestendo le proprie risorse per la buona riuscita del torneo che in questo momento sta iniziando ad entrare nel vivo. Nell’ipotesi che non ci fossero più le condizioni di sicurezza per proseguire la Confedrations Cup il Brasile non solo dovrebbe pagare un’ ingente multa alla Fifa, ma metterebbe seriamente a rischio l’ assegnazione dei mondiali di calcio del 2016. Tuttavia le due vittime causate dagli scontri devono far riflettere le istituzioni per un’ eventuale intervento a fermare questa violenza.

Leggi anche –> Confederations Cup 2013: Italia in Brasile da protagonista?