Copenaghen-Juventus 1-1, non sembra una Juve da Champions

La Juventus di Antonio Conte era chiamata stasera a vincere contro i modesti danesi del Copenaghen per iniziare al meglio la stagione in Champions League, ma la squadra bianconera non è riuscita ad esprimere il suo gioco ed è rimasta imballata al Parken Stadium. Lo stadio danese sembra portare sfortuna ai bianconeri, la scorsa stagione infatti i ragazzi di Conte si fermarono sull’1-1 nello stesso stadio contro il Nordsjaelland e anche questa volta hanno impattato con uguale risultato contro il Copenaghen. La Juventus era passata in svantaggio con Nicolai Jorgensen al 14′ del primo tempo, il centrocampista danese ha battuto Buffon con un tocco sotto porta dopo un rimpallo e un tocco di testa dell’ex di turno Olof Mellberg.

Parken Stadium Copenaghen

La Juventus ha creato due palle gol nitide subito dopo l’1-0 ma il portiere Wiland si è opposto prima con un grande intervento su Chiellini e poi su Pogba. Nella ripresa i danesi sono riusciti a resistere all’assedio bianconero grazie ai miracoli di Wiland, che ha ipnotizzato Carlitos Tevez solo davanti alla porta. Il portiere danese non ha però potuto far nulla pochi minuti più tardi, sul sinistro di Fabio Quagliarella innescato da un cross di Federico Peluso, che ha infilato la palla nel sette. Il tiro al bersaglio alla porta danese si è protratto fino alla fine del match, ma Wiland ha risposto sempre ottimamente ai tiri dei giocatori juventini. L’ultima occasione per vincere la partita la Juventus l’ha avuta nei minuti di recupero, con Tevez che ha messo a lato da pochi passi. Conte non sarà certamente soddisfatto per questo pareggio deludente, che costringerà la Juventus ad un inizio in salita. Nonostante la partita sia stata dominata il risultato sperato non è arrivato, a causa della mancanza di lucidità in area di rigore e ai miracoli del portiere avversario. Non si tratta però solo di sfortuna, questa partita si doveva vincere a tutti i costi per dimostrare di essere all’altezza delle altre big d’Europa, evidentemente è meglio mettere da parte i sogni perchè c’è ancora molto da lavorare per raggiungere i massimi livelli europei.

Leggi anche –> Youth League, Copenaghen-Juventus finisce 2-2
Leggi anche –> Copenaghen-Juventus, Olof Mellberg ritrova i bianconeri