Crotone-Brescia 2-2: sintesi della gara e Highlights

Un calcio di rigore nel finale evita l'ennesima sconfitta ai rossoblu.

Quattro reti in totale, un punto a testa in classifica. Questo il resoconto dello spettacolare e pirotecnico anticipo della settima giornata del Campionato di Serie B tra Crotone e Brescia. La squadra del presidente Cellino, dopo la salvezza in extremis raggiunta lo scorso anno, si è presentata in questa stagione con propositi combattivi, soprattutto dopo l’ottima campagna acquisti che ha portato in Lombardia l’attaccante classe ’90 Alfredo Donnarumma, lo scorso anno protagonista della magica galoppata in Serie A dell’Empoli. Di fronte un Crotone reduce da due ko consecutivi e dunque nell’occhio del ciclone. Una gara condizionata da un espulsione e due calci di rigore. Ma andiamo a vedere la sintesi della gara.

Sintesi della gara

Una leggera pioggia settembrina accompagna l’ingresso in campo delle due squadre. Rispetto alla vigilia Stroppa rilancia dal primo minuto Cordaz. Nella difesa a tre si rivede Sampirisi preferito a Cuomo, in coppia con Golemic e Marchizza. A centrocampo Firenze, Benali e Stoian mentre sugli esterni il ritrovato Martella e il confermato Molina. In attacco la coppia Budimir-Nalini.

Corini si affida al 4-3-1-2 con Alfonso estremo difensore. Sabelli, Romagnoli, Gastaldello e Curcio il quartetto difensivo. Martinelli, Dall’Oglio e Tonali a centrocampo. Bisoli a supporto delle due punte Donnarumma e Torregrossa.

Partenza subito in attacco degli squali che provano ad aggredire le rondinelle con Nalini che poi subisce fallo in area di rigore. L’arbitro ferma il gioco per soccorrere il calciatore. La reazione degli ospiti arriva al 5′ con Bisoli che colpisce di testa, su un calcio di punizione, ma Cordaz è attento. Al 10′ l’episodio che in un certo qual modo condiziona la gara. Azione solitaria di Torregrossa che entra in area di rigore e viene atterrato da Golemic. Il signor Marinelli di Tivoli non ha dubbi, doccia anticipata per il difensore e tiro dagli undici metri. Dal dischetto Donnarumma non fallisce e le rondinelle spiccano il volo.

Al 14′ Curcio serve Torregrossa, Cordaz intuisce tutto e si avventa sul pallone. Gli squali provano ad aggredire prima con una punizione insidiosa di Stoian che trova la ribattuta del numero uno biancoazzurro. Poi, più tardi Spettacolare servizio di Stoian per Martella, che però sbaglia il tocco di ritorno e l’azione sfuma. Al 20′ pallone lanciato da Curcio dalla corsia sinistra, ci arriva Bisoli che da ottima posizione si divora il raddoppio. Al 25′ malinteso maldestro tra Gastaldello e Romagnoli, Budimir ne approfitta calciando di prima intenzione ma Alfonso salva tutto.

Capovolgimento di fronte, Sabelli trova Bisoli, che va alla conclusione ma sbaglia completamente la misura. Al 40′ Benali stende tonali. Ne consegue un accenno di rissa con Torregrossa immediatamente sedata dal signor Marinelli di Tivoli. Nel finale ancora Crotone in attacco con Budimir che sugli sviluppi di un calcio d’angolo, blocca il pallone e tira di prima intenzione. Alfonso fa buona guardia.

Prima frazione di gara che si conclude con le rondinelle in vantaggio, complice il calcio di rigore trasformato da Donnarumma. Squali, comunque, che nonostante l’inferiorità numerica hanno creato e molto non riuscendo, però, a concretizzare il volume di gioco e le azioni create.

Secondo tempo

Ripresa che si apre con le rondinelle che provano a trovare il raddoppio. Curcio tenta il tiro, ma la misura della sua conclusione è sbagliata. Al 51′ Corner per il Brescia, palla a Donnarumma che prova la girata ma alza troppo la mira. Al 56′ prima sostituzione per il Crotone, fuori Molina dentro Faraoni. Qualche istante dopo, cross al centro di Martella per Budimir che svetta su Sabelli e di testa batte Alfonso. 1-1.

La squadra di Corini cerca immediatamente la reazione. Bel controllo e conclusione spettacolare per Bisoli, che però non riesce a trovare lo specchio della porta. Al 61′ primo cambio anche per Corini, fuori Donnarumma dentro Morosini. Al 65′ Cross interessante di Martella, ma Alfonso in presa alta anticipa Nalini. Due minuti dopo, il secondo cambio per i biancoazzurri fuori Martinelli dentro Spalek. Al 71′ Tonali ruba palla a Faraoni e s’invola verso la metà campo avversaria, cross sul palo opposto dove Dall’Oglio di testa insacca alle spalle di Cordaz. Rondinelle nuovamente in vantaggio.

Stroppa lancia in campo Simy e Rohden. All’80’ Punizione di Firenze, il colpo di testa di Budimir, però, non spaventa Alfonso. Quattro minuti dopo, Simy appoggia per Budimir, che sbaglia la misura della conclusione. All’88’ azione da una parte e dall’altra prima con Spalek per il Brescia poi con Faraoni per il Crotone. Il signor Marinelli assegna sei minuti di recupero. Al 93′ Morosini in contropiede spreca tirando alto sopra la traversa della porta difesa da Cordaz. Due minuti dopo, Alfonso in uscita travolge Budimir in area di rigore. Marinelli vede tutto e assegna il calcio di rigore. Dal dischetto Budimir ferma il volo delle rondinelle.

Termina con uno spettacolare 2-2 la gara dello Scida. Un risultato che poco soddisfa i due club. Le rondinelle, beffate nel finale dopo aver assaporato per quasi l’intero secondo tempo la vittoria. Squali propositivi in fase d’attacco ma poco incisivi, si crea molto ma non si riesce a concretizzare. Ancora lacune in fase difensiva. Un 3-5-2 che ancora non è pienamente efficace.

Al termine della gara, i supporters rossoblu della Curva Sud hanno contestato la squadra ed in particolar modo il tecnico Stroppa. I tifosi hanno preteso un confronto con il tecnico e la dirigenza minacciando di non lasciare il campo. Dopo diversi minuti, il tecnico ha parlato con una parte dei tifosi rispondendo alle loro domande e dicendosi pronto ad assumersi ogni responsabilità per i risultati fino ad ora ottenuti. In settimana vedremo se l’ex Foggia avrà ancora la fiducia della società. Domenica prossima, l’insidiosa trasferta a Palermo potrebbe avere in ogni caso il sapore di un’ultimatum.

Formazioni e Video della partita

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Sampirisi, Marchizza, Golemic; Stoian, Benali, Molina, Martella, Firenze; Nalini, Budimir. Allenatore: Giovanni Stroppa.

BRESCIA (4-3-1-2): Alfonso; Sabelli, Romagnoli, Gastaldello, Curcio; Martinelli, Tonali, Dall’Oglio; Bisoli; Torregrossa, Donnarumma. Allenatore: Eugenio Corini.