Curiosità Inter: Ex allenatori, Mancini vicino al Galatasaray

Le voci del suo probabile arrivo sulla panchina dei turchi del Galatasaray si sentono già da qualche giorno, da quando il patron Unal Aysal ha deciso di esonerare l’Imperatore Terim, complice il non brillantissimo avvio di stagione culminato con la clamorosa sconfitta interna in Champions League contro il Real Madrid per 6 a 1. Stiamo parlando di Roberto Mancini, vecchia conoscenza del calcio italiano che dopo l’avventura all’Inter ha deciso di emigrare provando l’esperienza estera, sedendosi sulla panchina inglese del Manchester City dal 2009 al 2013.

Con i nerazzurri ha conquistato 3 scudetti, 2 Coppe Italia e 2 Supercoppe Italiane, venendo esonerato da Moratti nel 2008 a causa dei non brillantissimi risultati in Europa, con le fatali dichiarazioni post eliminazione contro il Liverpool quando annunciò le sue dimissioni a fine stagione prima di tornare sui suoi passi. Il mister di Jesi è vicinissimo all’accordo, si stanno limando gli ultimi dettagli economici: il Mancio aveva richiesto sette milioni a stagione ma pare che la richiesta sia scesa intorno ai 4,5-5 milioni all’anno, cifra comunque di tutto rispetto.

Fatih Terim

In queste ore si trova in Turchia nella sede del club per firmare il contratto che non sappiamo ancora se sarà biennale o triennale, ma dalle voci che giungono pare che ci sia una clausola che prevede la possibilità di liberarsi già a giugno 2014 nel caso arrivi un’offerta allettante da parte di qualche altra squadra. O Nazionale, perché il sogno mai nascosto dell’allenatore sarebbe quello di prendere parte ad un Campionato Mondiale, magari con un team Africano, ma anche la possibilità Italia dopo il ciclo Prandelli non dispiacerebbe. Intanto si appresta dopo la firma ad affrontare una partita non semplicissima: trasferta a Torino contro la Juventus nella seconda giornata della Champions League, un appuntamento che i turchi non possono sbagliare.

Leggi anche–>Ex allenatori Inter in Champions: esordi diversi per Benitez e Mourinho

Leggi anche–> Mancini: “Volevo Cavani quando ero all’Inter, ma…”