De Laurentiis su Mazzarri e Moratti: "Sono due scornacchiati"

Siamo alle solite! La moglie che sputa sul piatto in cui ha mangiato fino a pochi mesi prima per il semplice fatto che il marito l’ha mollata per un’altra più bella, più intelligente e, fatemelo dire, meno boccaccesca. Ma De Laurentiis stavolta nel piatto del rancore e del risentimento non c’ha buttato solo Mister Walter Mazzarri, ma anche il suo Presidente e l’Inter in generale.

C’eravamo lasciati a settembre con il commento acido e alquanto antipatico del Presidente del Napoli che sembrava apprezzare il lavoro che Mazzarri sta facendo con l’Inter per poi scagliare la sua freccia avvelenata: “Ora sta facendo bene a Milano dove ha degli anziani di valore, con cui lavora bene.” In seguito, non sono mancate le battutine costanti e noiose, tese a provocare e infastidire. Adesso è tornato alla carica con un’intervista delle sue a Il Mattino, rancorosa e astiosa, come nel suo stile: “Se non fossimo in Europa andremmo subito in rosso. Stare in Champions è un diktat e ho preso Benitez perché la pensa come me, è l’unico che ha i concetti internazionali ben chiari in testa. Per lui è una scommessa e l’ha accettata perché ci crede ed è possibile. […] Mazzarri? Finora gli abbiamo fatto un assist. Abbiamo valorizzato le sue azioni che si è andato a vendere al meglio all’altro scornacchiato. Ma noi che scornacchiati non siamo, ci siamo andati a prendere il meglio che c’era.”

walter mazzarri

È evidente che ciò che muove la lingua biforcuta del produttore cinematografico partenopeo altro non è che un profondo e radicato rammarico per non esser riuscito a trattenere a casa sua Mister WM, che pur di motivi per restare ne avrebbe avuti, non ultimo la possibilità di disputare un torneo prestigioso come la Champions. E invece no, non è bastato il pensiero del dolce suono delle note della Champions a trattenere Mazzarri in Campania, troppo allettante l’idea di allenare una “squadra di anziani” come l’Inter, che pur priva di coppe in stagione, ha smosso l’animo dell’allenatore di San Vincenzo portandolo ad approdare a ben più prestigiosi lidi. De Laurentiis non ce ne vorrà, ma “ccà nisciuno è fesso!”

Leggi anche–> De Laurentiis: “Moratti influenzerà Thohir col suo 30%”

Leggi anche–> Mazzarri-De Laurentiis, la diatriba continua