Doppietta Diego Milito in Sassuolo Inter 0-7, l'argentino: "La dedica è per il presidente Moratti"

Ripartiamo da quel lontano 14 febbraio al Meazza contro il Cluj durante la sfida valida per d’andata dei sedicesimi di Europa League.
Quella sera per Diego Milito, 34 anni a giugno, la diagnosi era chiara: lesione del legamento collaterale, del legamento crociato anteriore e della capsula del ginocchio sinistro.

Qualcuno dava per finita la sua carriera da goleador, tutti pensavano al peggio tranne il giocatore stesso che promise di tornare il prima possibile per se stesso, per la famiglia e soprattutto per quei tifosi nerazzurri che gli sono sempre stati vicini nei momenti difficili. Il mondo del calcio si avvicinò molto al Principe dopo il grave infortunio, gli appassionati capirono subito la gravità delle sue condizioni decidendo di stargli vicino tramite i social network nonostante tifassero altre squadre.

Il Presidente dell'Inter Massimo Moratti

Milito torna come promesso, dopo tanti sacrifici e duri allenamenti, torna inizialmente con la Primavera di Cerrone contro il Brescia ed inizia a scaldare i motori per il grande ritorno. La settimana scorsa a San Siro contro la Vecchia Signora ritorna in panchina ma la partita non gli permette di rientrare davanti ai suoi cari amati tifosi; il grande ritorno però è rimandato di solo 7 giorni quando l’Inter incontra il Sassuolo. 22 settembre 2013, data da ricordare per il ritorno del Principe Milito che a fine partita dedica la sua doppietta al presidente Massimo Moratti che ha sempre creduto in lui, elogiandone inoltre la figura di uomo e massimo dirigente: “Questi due gol voglio condividerli anche con Moratti grandissima persona oltre che grandissimo presidente. Starà sempre al nostro fianco”.

TUTTO SU SASSUOLO-INTER

Leggi anche–> Milito torna e sigla una doppietta (VIDEO)

Leggi anche–> Moratti: “Felice per Milito”