Empoli-Milan, Inzaghi: "Partita insidiosa, il morale resta altissimo"

Intervenuto questo pomeriggio intorno alle ore 15.00 in conferenza stampa, Filippo Inzaghi ha risposto alle domande dei giornalisti a proposito di Empoli-Milan, partita che i rossoneri disputeranno domani sera in trasferta allo stadio Castellani. SuperPippo ha subito elogiato gli avversari, descrivendoli come una squadra che, per quello che ha dimostrato in queste prime tre giornate di Serie A, non va sottovalutata.

L’Empoli ha mostrato di saper tener testa anche a squadre di un certo calibro, come Roma e Udinese, e per tale ragione occorrerà scendere in campo concentrati: “Sarà difficile, l’Empoli ha disputato tre ottime partite. A Udine hanno giocato bene per 60 minuti e contro la Roma non meritavano di perdere. Sabato erano molto organizzati, sarà una partita insidiosa”. Il Milan vuole superare la sconfitta contro la Juventus che ha lasciato insoddisfatti tutti, compreso il presidente Berlusconi che, a partita conclusa, si è detto deluso per quanto visto sul campo. Inzaghi non commenta le parole di Berlusconi perché “le dichiarazioni del presidente non vanno commentate, – spiega – io per primo avrei voluto regalare la vittoria al presidente e ai tifosi. Giocarsela alla pari con la Juventus non era possibile, ricordo che noi abbiamo tirato in porta cinque volte, loro tre. Io guardo la prestazione”. 

La partita contro la Juventus rappresenta il passato, adesso il Milan dovrà pensare all’Empoli e a riproporre in campo un gioco vincente: “Stiamo acquisendo delle certezze. Sarebbe importante conquistare tre punti domani, i ragazzi sono carichi e lo spirito è quello visto nelle prime tre partite”. Mister Inzaghi dà quindi qualche indicazione sulla formazione, pur non dando certezze: “Domani verificherò i reduci della Juventus e farò le mie scelte, qualche giocatore fresco potrebbe far bene. Torres e Van Ginkel stanno bene e sono pronti. A Van Ginkel ho dato il tempo di integrarsi, valuterò se schierarlo dal primo minuto o meno”. Sulla presenza di Torres in attacco aggiunge: “Ho a disposizione 7 attaccanti. Torres è, così come Pazzini, un attaccante puro che attacca la profondità, vedrò come utilizzarlo al meglio. Se la squadra avesse maggiori certezze potrei pensare a giocare con più attaccanti”.

SuperPippo fa poi il punto della situazione sugli infortunati: “Non teniamo nascosto nulla. Oggi tutti stanno bene, se domani qualcuno dovesse star male non avremo problemi a dirlo. Al momento gli indisponibili sono Alex, Saponara e Diego Lopez, Menez sembra aver risolto, domani valuteremo” e su Honda: “Mi sembra recuperato, domani vedrò chi ha recuperato più energie dei tre davanti. Se avrà recuperato giocherà, altrimenti verrà in panchina al mio fianco”. Quindi conclude: “Ho parlato con il presidente, il morale resta altissimo”

TUTTE LE NOTIZIE SU EMPOLI-MILAN

Leggi anche: