Esonero Mazzarri, l'Inter pensa a Mihajlovic

Arrivano dalle pagine de Il Secolo XIX le ultime indiscrezioni sulle panchine più calde del campionato. Come si è più volte detto in questo periodo, l’Inter e il Napoli non sono molto contente dell’andamento altalenante in campionato. Così entrambi i club sarebbero alla ricerca di un possibile sostituto e, in caso dell‘esonero di Mazzarri, al momento il nome caldo è quello di Sinisa Mihajlovic.

La squadra di De Laurentiis è partita con il piede sbagliato, perdendo con il Chievo Verona e con l’Udinese in campionato, dopo aver già abbandonato il sogno Champions League durante le fasi preliminari. Benitez è stato più volte messo in discussione, ma nelle ultime due partite sono arrivati 6 punti importanti che hanno restituito un pizzico di fiducia allo spogliatoio.

Situazione praticamente opposta per l’Inter, partita forte tra l’entusiasmo generale e poi spentasi con le clamorose sconfitte contro Cagliari e Fiorentina. Non bisogna dimenticare che a Milano il malumore nei confronti di Mazzarri si era fatto sentire già durante la scorsa stagione. In diverse occasioni i tifosi si sono schierati contro il tecnico toscano, che domenica prossima, proprio contro il Napoli, si gioca un’occasione importante per restare sulla panchina dell’Inter.

Fa sorridere pensare che Inter e Napoli si scontreranno con questo clima. Mazzarri ritroverà gli azzurri con i quali ha vissuto un’esperienza fantastica, dalla Coppa Italia vinta durante la stagione 2011-2012 al raggiungimento del secondo posto nella stagione successiva. Benitez farà invece ritorno a San Siro, dopo essere diventato con i nerazzurri Campione del Mondo nel dicembre 2010.

Il posticipo della settima giornata sarà cruciale per il futuro di entrambi i tecnici. Il terzo pretendente, se così lo si può chiamare, ha il nome di Sinisa Mihajlovic. Il serbo sta facendo molto bene sulla panchina della Sampdoria, che al momento vanta un ottimo terzo posto in classifica con solo due reti al passivo. Mihajlovic conosce bene l’ambiente nerazzurro. Qui ha lavorato per anni, con grandi risultati, a sostegno di Roberto Mancini. Il contratto che lo lega alla Sampdoria scade nell’estate del 2016, ma il tecnico potrebbe liberarsi prima. Al momento non arriva nessuna smentita da parte dei diretti interessati.

Sicuramente per Mihajlovic non sarà una scelta semplice. Inter e Napoli hanno degli obiettivi molto chiari e un solo passo falso a questi livelli potrebbe voler dire che il serbo non è ancora pronto per un club così importante. Da giocatore Mihajlovic non si è mai tirato indietro di fronte a sfide importanti e se ha conservato negli anni questa sua caratteristica, potremo presto vederlo sulla panchina del Napoli o dell’Inter.

Leggi anche -> Esonero Mazzarri, i possibili sostituti

Leggi anche -> Inter-Napoli, le probabili formazioni