EX-MILAN, MARIO BALOTELLI – Super Mario ha ufficialmente terminato la sua avventura con il Milan, ma in un’intervista al Corriere della Sera si sbilancia.

Nel giorno di Italia-Germania, che quattro anni fa era stata decisa da una splendida doppietta del “vero” Super Mario, Balotelli rilascia una lunga intervista al Corriere della Sera, dove affronta diversi argomenti. In primis appoggia la scelta di Conte di non convocarlo:

“È successo che ho fatto due anni non ai miei livelli. Problemi fisici, altri problemi, non sono stato io. E Conte giustamente ha portato altri giocatori all’Europeo. Fossi stato in lui, avrei fatto esattamente la stessa cosa. Certo che mi spiace”.

Di una cosa è sicuro però, vincerà il pallone d’oro:

“Io posso fare molto di più di quello che ho detto. Però ci vuole tempo. In una scala da 0 a 10, io mi sono fermato a 5, ma piano piano al 10 ci arriverò. Perché ci voglio arrivare. Diventerò Pallone d’oro. Anche se mi rendo conto di aver fatto due anni della mia carriera dove potevo avvicinarmi al 10 e invece sono rimasto a 5”.

Poi chiude ad un futuro ritorno in rossonero, l’ennesimo:

“Dove giocherò la prossima stagione? Spero nel Liverpool. Il Milan? Ha deciso di lasciarmi. Di sicuro non ci sarà un Mario’s back again”.

LEGGI ANCHE: