Fabrizio Miccoli insulta Giovanni Falcone. Indagato per estorsione

Una notizia che ha lasciato tutti impietriti quella di Fabrizio Miccoli nei guai con la giustizia, soprattutto dopo alcune pubblicazioni di intercettazioni dell’oramai ex giocatore del Palermo. Il calciatore ha avuto un avviso di garanzia dalla procura di Palermo, l’accusa è di estorsione e accesso abusivo al sistema informatico per l’utilizzo di 4 schede telefoniche intestate a persone ignare.

Sembrerebbe che Miccoli avrebbe commissionato al figlio di un boss mafioso Antonio Lauricella suo amico, il recupero di alcune somme di denaro, azioni constatate da intercettazioni che avrebbero lasciati interdetti soprattutto per le parole utilizzate registrate dagli intercettatori come quando Miccoli ad un amico dava appuntamento, secondo testuali parole – Davanti all’albero di quel fango di Falcone –  offendendo la memoria di quel magistrato che proprio Miccoli avrebbe onorato durante le partite del cuore dedicandogli i suoi gol.

giovanni falcone

Maria Falcone sorella del giudice preferisce non commentare definendo la questione di basso livello, reazione diversa dal ministro della funzione pubblica che con determinazione dice: “Va radiato!”. Tuttavia il legale del calciatore ribadisce che davanti ai magistrati tutto verrà chiarito.

Leggi anche –> Calciomercato Palermo, Miccoli: due anni e smetto. Lecce? Se va in B