Fame nervosa: ecco come combatterla con questi cinque consigli

La fame nervosa colpisce soprattutto in inverno. Se sottovalutata, può diventare un disturbo dell’alimentazione più grave, come l’anoressia e la bulimia. Ecco quali sono le soluzioni migliori per combatterla e le cause per riconoscerla subito!

Combatti la fame nervosa dai sintomi: 5 consigli per te

La fame nervosa ha sintomi ben precisi, che si possono riconoscere con un po’ di attenzione. Ecco quali sono e come combatterli in maniera semplice ed efficace.

  • Hai fame, ma non dovresti averla. La vera domanda è: “Hai fatto colazione?”. Molte persone non fanno colazione. Fanno un pranzo leggero per motivi di lavoro. Arrivano la sera affamati e distrutti, con il solo obiettivo di mangiare quello che c’è, senza attenzione. I pasti che sono più evitati sono: la colazione, lo spuntino a metà mattinata e la merenda verso le 17. Prova a sostituire questa assenza con frutta di stagione.
  • Ti svegli la notte con uno spaventoso senso di fame. La vera domanda è: “Stai affrontando una situazione difficile, anche se comune?”. Beh, se la risposta è sì, stai cercando di mangiare per evitare lo stress. Non riesci neanche a dormire. Per andare sul sicuro, prendi una tisana prima di andare a dormire. In commercio ci sono anche gli integratori naturali in gomme. Quando la giornata è finita, non c’è nulla che tu possa fare per cambiarla. Neanche mangiare. Per fortuna, il domani è un altro giorno, non trovi?
  • Ti senti spesso stanca e pensi che mangiando ritroverai le energie. Non è vero. Ci sono cibi carichi di caffeina, ma se davvero senti spossatezza, prova a cambiare ritmo alla giornata. Se non puoi farlo, fai una visita medica. La stanchezza cronica è un problema di salute sottovalutato, ma il cibo non basta.
  • Hai fame, ma non fai attività fisica. Male, anzi malissimo. Il tuo corpo è abituato a mangiare senza bruciare le energie accumulate. Il segreto è fare una passeggiata tutti i giorni. Non puoi fare jogging la mattina? Pazienza, anche una giornata al parco o una ginnastica dolce a casa o in palestra possono cambiare la tua giornata.

  • Non riesci a smettere di mangiare, ma la fame non passa. Prova a chiedere consiglio a un nutrizionista e a uno psicologo. Il cibo diventa spesso la consolazione per un problema psicologico non espresso. In più, se hai persone sovrappeso, oppure obese in famiglia, dillo al tuo medico. Ci sono delle caratteristiche, come la velocità del metabolismo, che sono ereditarie.

Fame nervosa: quali sono le cause?

Le cause della fame nervosa sono di due tipi:

  • ereditarie.
  • psicologiche.

Solo in rarissime malattie che coinvolgono l’intestino, la voglia smisurata di mangiare qualcosa dipende dalla malattia. Se in famiglia ci sono casi di disturbi alimentari legati ai geni, allora devi pensare a questa possibilità. La maggioranza delle persone, però, soffre di fame nervosa per combattere lo stress quotidiano. Il cibo è a buon mercato e si reperisce facilmente. Se sei in ansia o hai fatto un buon lavoro, il cibo ti dà la gratificazione che senti di aver bisogno. Per eliminare le cause, mangia poco e spesso. Evita cibi grassi, ma scegli prodotti sempre diversi e nutrienti. Con un po’ di attenzione, dirai addio a questo insidioso problema!