Francia-Honduras senza Inni Nazionali ai Mondiali 2014

Francia-Honduras non sarà, per la storia del calcio, una gara come tante. Il match tra transalpini e centroamericani, infatti, entrerà nella storia per essere stato il primo senza inni nazionali nella storia dei Mondiali di calcio. Niente Marsigliese, niente inno per l’Honduras: la causa, probabilmente, è legata ai problemi tecnici dell’impianto audio dello stadio Beira Rio di Porto Alegre.

Sgomento sulle tribune, ma per fortuna nessuna reazione particolare. Ironia della sorte, Francia e Honduras, rivali in campo, sono accomunate dai propri inni nazionali in quanto una strofa di quello honduregno cita proprio la Francia rivoluzionaria: “Era la Francia, libera, eroica che nel suo sogno […] seguiva il richiamo virile di Danton […] è stata la Francia che ha inviato alla morte il capo del suo sacro re mettendo, al suo fianco, l’altare della dea Ragione”.

Oltre alla questione di aver giocato senza ascoltare gli inni nazionali, Francia-Honduras è una gara storica per un altro motivo: è la prima partita in cui un gol fantasma viene subito smascherato dalla tecnologia approntata dalla FIFA per i Mondiali 2014. Gara senza storia sul campo quella di ieri sera, ma sicuramente indimenticabile per gli almanacchi.

Leggi anche–> Francia-Honduras: il secondo gol assegnato con la Goal Technology

Leggi anche–> Basta Gol Fantasma: ecco come funziona la Goal Technology

Leggi anche–> Francia-Honduras 3-0: i gol (Video)