Galatasaray, Felipe Melo ritrova il suo passato: "Rispetto la Juventus"

Felipe Melo torna a Torino, questa volta però da avversario. Le strade tra La Juventus e il centrocampista brasiliano si sono separate definitivamente quest’estate quando, dopo due anni di prestito oneroso, è stato ceduto a titolo definitivo proprio al Galatasaray.

Quando Blanc e Secco lo portarono a Torino nel 2009, per la cifra di 25 milioni di euro, furono in molti a pensare che la Juventus si fosse assicurata uno dei migliori centrocampisti in circolazione. Con la Fiorentina infatti aveva disputato un ottimo campionato mettendo a segno anche due gol tanto che a Firenze, quando la Juventus ufficializzò il suo acquisto, scoppiò la rivolta contro l’allora d.s. Corvino.

Felipoe Melo

E dire che l’avventura del brasiliano a Torino era iniziata nel migliore dei modi con un gol alla Roma nella prima di campionato. Pian piano però le prestazioni di Melo si inabissarono e anche lui si trovò inghiottito dai problemi di una squadra che chiuderà il campionato al settimo posto.

Naturalmente sulla sua testa pesava il prezzo di quel cartellino e ben presto venne preso di mira da tifosi e stampa sportiva. Con l’arrivo di Del Neri sulla panchina bianconera le cose non cambiano. Anzi l’ingenua espulsione del 9 gennaio 2011 contro il parma è la goccia che fa traboccare il vaso e mette definitivamente la parola fine all’ormai logoro rapporto con la tifoseria. Chiude con 58 presenze e 4 gol le sue due stagioni a Torino e a fine anno verrà ceduto in prestito al Galatasaray.

Ieri nel corso della conferenza stampa è tornato a parlare della sua ex squadra e del rapporto coi tifosi:” I miei due anni qui non sono stati certo belli ma ho sempre giocato e nessuno può dire che ho mai tirato la gamba indietro, tutti conoscono la mia grinta. Sono contento che i miei ex compagni negli ultimi due anni abbiano vinto tanto così come ho vinto tanto io in Turchia. Se riceverò dei fischi? Non lo so, non mi importa, io sono qui per aiutare il Galatasaray“.

Stasera siamo sicuri che vorrà dimostrare tutto il suo valore dinnanzi al suo ex pubblico ma quella che si troverà di fronte è una squadra lontana parente di quella che ha lasciato due anni fa.