Galliani non lascia il Milan: "Chiuderò qui, non sono traditore"

Il Milan nelle settimane che hanno preceduto il mercato di gennaio ha vissuto situazioni molto delicate, a partire dal possibile addio dell’a.d. Adriano Galliani il cui rapporto con Barbara Berlusconi era ormai da ritenersi deteriorato: dopodicché sono arrivate smentite e soprattutto chiarimenti tra i due che dunque hanno manifestato la voglia di continuare a collaborare insieme, senza ledere all’immagine e soprattutto al futuro del Milan che mai come dopo questa stagione ha bisogno di basi forti da cui ripartire.

Ai microfoni di Milan Channel, interrogato sul suo futuro, il dirigente storico del Milan ha voluto smentire qualsiasi voce di addio: “Non lascerò mai questa squadra e questi colori che ormai mi sono entrati dentro dopo 28 anni di lavoro e soprattutto ben 28 trofei con tanti secondi posti e soprattutto immense soddisfazioni regalatemi”. Parole dunque ricche di amore, ma anche di emozione per un dirigente che ha cambiato, per certi aspetti, il calciomercato in Italia dando lustro a quei parametri zero di cui le squadre nostrane hanno dovuto fare di necessità virtù.

Chiusura dell’a.d. alla tv ufficiale del Milan con delle parole che sanno di giuramento di fedeltà: “Io non sono un traditore e non vedo perché dovrei farlo verso il Milan che mi ha dato tanto. Non sarò mai in una squadra di calcio in competizione con i rossoneri e ho voglia di continuare a lavorare al meglio per mantenere la squadra rossonera ai livelli che le competono”.