Giocatori Milan 2014, che fine ha fatto Valter Birsa?

Il Milan ha tanti uomini sulla trequarti, uno dei reparti maggiormente affollati a differenza di una difesa che, in determinate circostanze, sembra soffrire una “coperta” troppo corta e che non ha garantito sempre adeguate alternative a Massimiliano Allegri prima e successivamente a Clarence Seedorf. Assieme al nuovo uomo chiave, Adel Taarabt, l’inossidabile Kakà, più Honda, Saponara, Poli (che Seedorf vede bene in questo ruolo), Robinho e il lungo degente El Shaarawy, i rossoneri vantano in rosa anche lo sloveno Valter Birsa.

Proprio su quest’ultimo, nelle ultime settimane, sono stati sollevate delle questioni legate al suo mancato utilizzo dal periodo pre-natalizio ad oggi: infatti Birsa, dopo un avvio di campionato condito da due gol che per giunta hanno portato sei punti in cascina per i rossoneri, ha iniziato a vedere il campo con maggiore difficoltà, fino ad essere spesso escluso anche dai convocati. Appare chiaro che nelle gerarchie sia di Allegri che di Seedorf adesso, lo sloveno sia l’ultima scelta, anche perché quando chiamato in causa ha sì dimostrato un buon sinistro e buon tiro, ma certamente non una tecnica adatta al gioco dei rossoneri.

Il tecnico olandese preferisce sempre puntare su calciatori che diano profondità ai rossoneri, basti pensare a Taarabt o Kakà, ma anche un Robinho in forma può essere utile in tal senso e il giovane Saponara: il tecnico del Milan non ama il trequartista lento, cosa che sta dimostrando anche con Honda che, seppur in miglioramento a Genova contro la Sampdoria, si mostra ancora troppo compassato nei movimenti ed a tratti inadatto a giocare in serie A. Per Birsa l’addio a giugno sembra essere cosa certa, anche se un po’ di gratitudine nei suoi riguardi ci deve essere poiché sei punti di questa stagione sono legati a suoi gol (contro Sampdoria ed Udinese)

Leggi anche -> Milan-Juventus, Abate: “Interesse dei bianconeri? Io penso a …”

Leggi anche -> Milan, pronta la cessione di un difensore: direzione Russia

Leggi anche -> Milan-Juventus: nei bianconeri mancheranno due top player