Giovani Inter, Puscas: "Palacio l'esempio da seguire"

Uno dei giovani più interessanti del settore giovanile dell’Inter è il romeno George Puscas. Riscattato solo pochi giorni fa per una cifra poco superiore al mezzo milione di euro (investimento notevole per un giocatore del 1996), l’attaccante della Primavera di Cerrone ha rilasciato un’intervista ad Inter Young, la trasmissione di Inter Channel riservata ai talenti del vivaio interista.

Puscas racconta subito il suo impatto col calcio nostrano: “Impatto col calcio italiano? E’ stato bello arrivare in Italia, il calcio è diverso. I compagni mi aiutano tutti, come l’allenatore. Chivu è una grande persona, ci parlavo quando venivo ad allenarmi in prima squadra. Mi dava consigli, diceva di allenarmi sempre di più per arrivare in una grande squadra. Alibec ha iniziato bene e poi si è perso? Serve lavorare sempre di più”.

Per i giovani come Puscas è importante seguire degli esempi e alla Pinetina questi non mancano di certo: “Intanto è stata una grande emozione vedere Chivu e gli altri, che vedevo solo in tv prima. Chi mi ha impressionato? Il mio preferito è Palacio, mi piace come lavora in campo e i suoi movimenti. Io lo guardo sempre con un occhio speciale. Lui si muove tanto, fa gol e gioca a metà campo. Sa fare tutto. Se è timido anche con noi? No, parla con noi giovani. Tutti ci danno i consigli, anche Zanetti e Cambiasso”.

Tra le emozioni più belle vissute in nerazzurro sicuramente il gol nel derby di Coppa Italia contro il Milan, davanti a Thohir: “Una grande emozione, era il primo derby in Italia. Quando siamo entrati sul campo ho sentito che era una partita speciale. C’era Thohir? Sì, una gionata speciale, avevo fatto anche una maglia celebrativa. Tripletta col Varese? Non ho portato a casa la palla. Da lì è cambiato tutto, prima avevo avuto un infortunio che mi bloccava. Poi è arrivata questa gara e grazie a Dio ho fatto tre gol. Compagno con cui mi trovo meglio? E’ Ivusic, mi è stato vicino quando sono arrivato, parlandomi in inglese”.

Leggi anche–> Chi è George Puscas?

Leggi anche–> Puscas riscattato: ora è tutto dell’Inter